Whirlpool Napoli, notte al ministero per lavoratori e sindacati: «Siamo stati abbandonati»

Sono quasi 48 ore di lotta non stop a Roma. Questa notte sindacati e operai Whirlpool di Napoli sono rimasti a dormire, infatti, sulle sedie all’interno del ministero dello...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

PIÙ CONVENIENTE
2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO
PIÙ CONVENIENTE
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

Tutta l'informazione in un click:
il sito ilmattino.it,
l'app dedicata, le newsletter e
e gli aggiornamenti live

OFFERTA SPECIALE 130 ANNI

9,99 € per 1 ANNO

Promo valida oggi per chi paga tramite Google

oppure 1€ al mese per 3 mesi

Sono quasi 48 ore di lotta non stop a Roma. Questa notte sindacati e operai Whirlpool di Napoli sono rimasti a dormire, infatti, sulle sedie all’interno del ministero dello Sviluppo Economico dopo che i funzionari dell’esecutivo si sono defilati intorno alle 19 di ieri. Oggi, invece, è previsto un incontro tra la multinazionale statunitense e il consorzio proposto dal governo. Ma al momento i circa 320 lavoratori restano in uno stato di abbandono e incertezza.

«Abbiamo dormito poco - racconta Vincenzo Accurso Rsu del sito con la voce ancora provata dalla nottata -  Abbandono totale, siamo abbandonati. Non sanno cosa dirci e ci hanno lasciato qui senza prendersi responsabilità. Ora non sappiamo neanche come e quando tornano ( i funzionari ndr) sappiamo solo che devono fare una riunione con Whirlpool e il consorzio per trattare la cessione del sito».

«Vorremmo sentire i ministri - precisa Accurso - ma qua non si capisce niente. Saremo qui fin quando i carabinieri non ci veranno a cacciare». 

Nel mentre i lavoratori napoletani, quelli che ieri erano invece in presidio all’esterno del dicastero, sono tornati a casa in nottata ma già stamattina ripartiranno nuovamente alla volta della capitale. È una lotta senza sosta. In attesa di risposte dal governo che ieri al 30esimo tavolo di crisi neanche si è presentato mandando nella mischia «solo delle controfigure» come tuonano le sigle sindacali. 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino

Sono quasi 48 ore di lotta non stop a Roma. Questa notte sindacati e operai Whirlpool di Napoli sono rimasti a dormire, infatti, sulle sedie all’interno del ministero dello Sviluppo Economico dopo che i funzionari dell’esecutivo si sono defilati intorno alle 19 di ieri. Oggi, invece, è previsto un incontro tra la multinazionale statunitense e il consorzio proposto dal governo. Ma al momento i circa 320 lavoratori restano in uno stato di abbandono e incertezza.

«Abbiamo dormito poco - racconta Vincenzo Accurso Rsu del sito con la voce ancora provata dalla nottata -  Abbandono totale, siamo abbandonati. Non sanno cosa dirci e ci hanno lasciato qui senza prendersi responsabilità. Ora non sappiamo neanche come e quando tornano ( i funzionari ndr) sappiamo solo che devono fare una riunione con Whirlpool e il consorzio per trattare la cessione del sito».

«Vorremmo sentire i ministri - precisa Accurso - ma qua non si capisce niente. Saremo qui fin quando i carabinieri non ci veranno a cacciare». 

Nel mentre i lavoratori napoletani, quelli che ieri erano invece in presidio all’esterno del dicastero, sono tornati a casa in nottata ma già stamattina ripartiranno nuovamente alla volta della capitale. È una lotta senza sosta. In attesa di risposte dal governo che ieri al 30esimo tavolo di crisi neanche si è presentato mandando nella mischia «solo delle controfigure» come tuonano le sigle sindacali. 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino