Mann, così il nuovo colpo d'occhio sul plastico degli scavi di Pompei

Muoversi con gli occhi a «volo d'uccello» sulmodello in sughero degli scavi di Pompei, il plastico custodito nelgrande salone dell'Archeologico napoletano, non saràpiù solo utopia. Lo si potrà fare a fine anno,affacciandosi dall'antica balaustra, quando l'interoambiente verrà recuperato, reso sicuro per turisti estudiosi e restituito alle visite. Intanto, quel modello, cheoccupa una superficie di quasi trenta metri quadri, èdiventato un Atlante cartaceo contenente la storia perduta degliscavi di Pompei e delle decorazioni che impreziosivano domus emonumenti pubblici cittadini, che verrà proposto in manieramultimediale attraverso una serie di monitor che, dalle paretidella sala, rilanceranno immagini del plastico altrimenti nonvisibili.

Leggi l'articolo completo su Il Mattino