Massimo Troisi chiedeva al sindaco un teatro stabile: spunta la lettera autografa di 45 anni fa

SAN GIORGIO A CREMANO - Un’istanza datata 23 aprile 1974, indirizzata all’allora sindaco di San Giorgio e battuta a macchina. La richiesta è di sovvenzionare le attività teatrali di un gruppo nascente e promettente, il gruppo è «Rh negativo», la firma è di Massimo Troisi. Un «cimelio» rispolverato dallo storico amico di Massimo, Alfredo Cozzolino, e pubblicato sulla sua pagina Facebook che ha commosso i fedelissimi  e strappato un sorriso a molti. La lettera non è inedita, è già stata mostrata anni fa in alcune mostre ma l’amico di ha voluto ricordarla. «Stamattina nello scavare - ha detto Cozzolino - ho trovato ciò che erano i “primi passi” di una lunga storia teatrale».

Ed erano proprio gli anni in cui Massimo Troisi con Lello Arena e, proprio dal 1974 anche con Decaro, faceva i primi passi verso una carriera straordinaria con il gruppo teatrale, appunto, «Rh negativo» che provava all’interno del garage in cui nacque il Centro Teatro Spazio. In questa lettera un giovanissimo Troisi, come tanti giovani artisti agli esordi e senza risorse, chiede un sostegno al sindaco di allora. Sebbene i toni siano seri e «ossequiosi», non è facile trattenere il sorriso immaginandolo a pronunciare le sue richieste con la sua indimenticabile espressione tra la timidezza e l’intelligente autoironia.

Così scriveva Massimo 45 anni fa:

«Ill.mo Sindaco, io sottoscritto Massimo Troisi, amministratore responsabile del Gruppo Teatro Rh -, già da molti anni operante a San Giorgio a Cremano e a Napoli, con incoraggianti critiche, chiedo alla S.V. Ill.ma di concedere una sovvenzione affinché il Gruppo possa continuare nella sua attività. Subordinatamente il Gruppo suggerirebbe la possibilità di voler creare un teatro stabile in San Giorgio a Cremano, poiché molti ne sentono la mancanza, perché possa svilupparsi maggiormente il teatro nelle sue varie forme ed incentivare la gioventù sangiorgese all’amore per l’arte. Con la certezza che la presente venga presa in benevola considerazione, ringrazia ed ossequia a nome del Gruppo Rh negativo. Massimo Troisi».

Una lettera decorosa e rispettosa che denota l’educazione e la gentilezza di un Troisi appena 21enne ma che ha chiare le sue passioni e la sua strada. Quel «subordinatamente» rispetto alla richiesta del teatro stabile esprime l’urgenza sella sovvenzione al gruppo e, se poi è possibile, anche altro. La tendenza dignitosa nel non chiedere oltre che avrebbe, poi, caratterizzato Massimo Troisi come uomo e come artista. Un vero documento che già ha fatto gola ad alcuni cultori e biografi di Massimo come Salvatore Aulicino Mazzei e Salvatore Iorio che pensano di usarlo per un prossimo lavoro sull’inimitabile e immenso artista napoletano. 

Leggi l'articolo completo su Il Mattino
Outbrain