Cantiere prorogato sino a gennaio è già caos a via Depretis

Prorogato di altri quattro mesi il cantiere del metrò Linea 1 tra via Depretis e piazza Municipio. La fine dei lavori era prevista per l'inizio di agosto, ma è slittata per consentire gli ultimi ritocchi sulla superficie della strada. Le transenne, quindi, resteranno fino al 9 gennaio prossimo. Interventi necessari, ma che purtroppo hanno impattato molto sul traffico negli ultimi mesi, creando un vero e proprio imbuto per le auto. L'intervento toccherà anche l'area sul lato del Teatro Mercadante, fino alla confluenza con via Acton e via Cristoforo Colombo. Intanto è previsto per oggi l'avvio del cantiere della Linea 6 in piazza del Plebiscito, lato Prefettura, che durerà 14 mesi.

Tra i correttivi allo studio per alleggerire il traffico allo sbocco di via Depretis c'è l'ipotesi di ampliare di circa mezzo metro in più le due corsie sul lato del Mercadante, in modo da garantire un passaggio più agevole di pullman e mezzi pesanti e allargare da 3,5 a 4,5 metri la corsia in curva tra piazza Municipio e via Colombo. Il dispositivo di traffico, legato alla presenza del cantiere, ha creato non pochi disagi alla circolazione negli scorsi mesi, soprattutto dopo l'ulteriore restringimento della carreggiata a maggio. La Stazione di piazza Municipio, intanto, dovrebbe essere pronta tra la fine del 2019 e l'inizio del 2020, assieme al Parco Archeologico, per il quale si prevede di concludere il progetto esecutivo entro quest'anno, e l'uscita nel Porto. La stazione Linea 1, infatti, è già operativa. Mancano solo gli ultimi dettagli, assieme alla realizzazione dell'area museale, incluso il corridoio di collegamento, di oltre 20 metri, con il Porto. Contemporaneamente si sta lavorando anche alla stazione della Linea 6, che si interscambia con la Linea 1.
 
È fissata per oggi la partenza del cantiere di piazza del Plebiscito per la camera di ventilazione della Linea 6 della metropolitana. Insisterà sulla parte destra dell'emiciclo, in corrispondenza di piazzetta Carolina e del Palazzo di Governo. I lavori saranno all'interno dell'area pedonale, quindi non sulla strada dove circolano le auto, che resterà aperta. Ci sarà comunque un impatto sul traffico a causa del via vai degli automezzi e sarà più difficile organizzare concerti ed eventi. Le due uscite della Stazione, invece, saranno realizzate in piazza Santa Maria degli Angeli e a via Chiaia, sotto il ponte. Ma insorgono i gestori dei locali sotto i colonnati della Basilica di San Francesco di Paola: «Cantieri troppo lunghi - attaccano - così chiuderemo». Mentre il bando di riqualificazione della piazza stenta a decollare. Sugli 8 locali messi a disposizione dalla Prefettura ne sono stati assegnati 6. Nasceranno un ristorante, una pasticceria, un negozio di ceramica e terracotta e una bottega di scultura e si è in attesa dell'avvio delle ristrutturazioni. Per i due ambienti più piccoli non ci sono state offerte e saranno rimessi a gara. Mentre il restyling dei 2 locali sul lato sinistro destinati ad accesso all'ipogeo e alla realizzazione dell'ascensore, di competenza del Comune, è in fase di progettazione esecutiva da parte del Provveditorato alle Opere Pubbliche. Dei locali già aperti resistono con difficoltà il Caffè Reginella, la pizzeria e la bottega artigianale La Lumiere. Mentre la libreria Internazionale è chiusa da tempo e l'Archivio Fotografico apre saltuariamente. «Il cantiere rischia di danneggiarci economicamente - commentano alla Lumiere - Speriamo lascino aperto un varco e non oscurino il colonnato. Il Comune voleva inaugurare tutti i porticati rinnovati a gennaio, ma come farà con il cantiere?». Concorda il titolare del bar Reginella: «Immagino già la polvere e il rumore che faranno fuggire i clienti. Speriamo che finiscano presto e non si ripeta quanto accaduto con il restyling del porticato durato più di 2 anni».

Sconta forti ritardi l'inizio dei lavori sul corso Vittorio Emanuele, nel tratto piazza Mazzini-piazzetta Cariati. Dovevano partire a luglio, ma sono slittati perché sono sopraggiunti altri lavori indifferibili tra via Salvator Rosa e via Girardi, individuate come percorsi alternativi per il traffico. I lavori sui cavi dell'elettricità a piazza Mazzini sono andati avanti, invece, fino alla scorsa settimana. E tra oggi e domani è previsto il ripristino della pavimentazione. Per questi due giorni, il Comune ha disposto il senso unico a scendere su via Salvator Rosa, nel tratto tra l'incrocio tra via Girolamo Santacroce e via Battistello Caracciolo e piazza Mazzini. Entro fine settembre potrebbe partire quindi anche il restyling del Corso.

Partiranno mercoledì alcuni lavori nell'VIII Municipalità di Chiaiano-Scampia. Al Parco dell'Armonia, in via della Resistenza, aprirà il cantiere dell'acquedotto, che dovrebbe durare 2 mesi. Mentre in via Roma verso Scampia dovrebbe partire quello dei cavi elettrici di bassa tensione, da concludere il giorno dopo.
 

Leggi l'articolo completo su Il Mattino
Outbrain