Rifiuti, ​mazzette in cambio di appalti e un tesoro nella valigia: tre indagati nel Napoletano

Fraudolento trasferimento di valori e riciciclaggio. Sono queste le accuse che hanno spinto i carabinieri di Castello di cisterna ad eseguire un sequestro di 350mila euro, soldi custoditi da un operaio di una ditta specializzata nel campo dei rifiuti.

Soldi custoditi in una borsa chiusa con lucchetti, le cui chiavi non erano nella disponibilità dell’operaio. Inchiesta condotta dal pm Mariella Di Mauro, sotto il coordinamento del procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio, chiara l’ipotesi investigativa: mazzette in cambio di appalti per lavorare nella raccolta e nello smistamento dei rifiuti, caccia ai pubblici ufficiali infedeli.

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino
Le città al voto, nodo astensione: urne aperte oggi e domani
Roma, tra Gualtieri e Michetti la sfida si gioca tutta in periferia
Ballottaggi, si vota per i sindaci in dieci capoluoghi: la guida alle urne
Ballottaggio, i duelli in Campania: occhi puntati su Caserta e Benevento
Green pass e mascherina, torna la settimana bianca