Sant'Agnello, sito del Comune sotto attacco: messaggio osceno sulla home

SANT'AGNELLO - È rimasto online per diverse ore fino a quando, dopo essere stato scoperto e segnalato a mezzo Facebook, non è stato rimosso. Poche parole, di rara volgarità, ma sufficienti per scatenare l'ilarità del web e aprire un dibattito sulla sicurezza dei sistemi informatici del Municipio. Stiamo parlando del messaggio comparso nella giornata di domenica sul sito del Comune di Sant'Agnello: un invito volgare ed esplicito, pubblicato da qualche buontempone nella sezione dedicata alle notizie in tempo reale subito dopo la convocazione del Consiglio e un avviso riguardante il trasporto scolastico.

Ad accorgersene è stato un gruppo di giovani che segue con particolare attenzione le vicende politiche e amministrative della cittadina costiera: «Torno a casa dopo tre giorni fuori, cercavo la convocazione del prossimo Consiglio comunale sul sito istituzionale del Comune di Sant’Agnello. Sono contento di vedere che va sempre tutto bene», racconta ironicamente un membro dela compagine. In pochi minuti molti internauti, leggendo il messaggio, si scatenano: «Sarà una delibera di giunta», dice uno; «Dal tono imperativo deduco che si tratti di una determina», risponde un altro; «Quando si dicute l'argomento in Consiglio comunale?», si chiede ancora un altro utente su Facebook.

L'episodio, però, riaccende i riflettori sull'affidabilità dei sistemi informatici degli enti pubblici. Sebbene rimosso nella notte, dopo il polverone alzatosi sul web, il messaggio ha spinto molti internauti a chiedersi se i loro dati contenuti in archivi e siti web delle amministrazioni dello Stato siano effettivamente al sicuro. In Costiera c'è un precedente ancora più allarmante: ad aprile scorso una banda di misteriosi pirati informatici originari dell'India ha criptato tutti i file di Office ed Excel presenti sul server interno dell'amministrazione comunale di Massa Lubrense, incluse le copie di sicurezza, per poi chiedere un "riscatto" di 600 dollari da pagare in 72 ore.

Leggi l'articolo completo su Il Mattino
Outbrain