Terremoti, vie di fuga dai Campi Flegrei con l'incognita cantieri

Dopo oltre 18 mesi di attesa è stata approvata dalla giuntaregionale la delibera nella quale vengono individuate le aree diincontro e i cancelli di accesso alla viabilità principalein caso di emergenza per la popolazione della zona rossa di Napolie dei Campi Flegrei. E scoppia il caso: i 300mila residenti deiquartieri napoletani di Chiaia, San Ferdinando, Posillipo eMontecalvario dovranno utilizzare via Marina per scappare versol'innesto dell'Autostrada A3, attraverso un percorso che adoggi è ancora un cantiere aperto. E chi abita nei quartieridi Bagnoli, Soccavo e Pianura e nel territorio di Pozzuolidovrà, invece, radunarsi nell'area di incontro di piazzaGaribaldi-Stazione Centrale, che nelle stesse note inviate allaProtezione civile nazionale e alla Regione viene definita daitecnici del Comune di Napoli «allo stato parzialmentepraticabile, essendo in corso lavori di riqualificazioneurbana» per il cantiere aperto per il completamento delparcheggio interrato.

Leggi l'articolo completo su Il Mattino
Outbrain