Voragine al Vomero, le prime parole dei sopravvissuti: «Siamo miracolati, poteva andare peggio»

Vertice in prefettura per coordinare i soccorsi e gli interventi di messa in sicurezza

Stamattina, poco prima dell'alba, una voragine si è aperta a via Morghen inghiottendo due auto e un platano. Grande spavento, ma per fortuna non ci sono state gravi...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA FLASH
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

Stamattina, poco prima dell'alba, una voragine si è aperta a via Morghen inghiottendo due auto e un platano. Grande spavento, ma per fortuna non ci sono state gravi conseguenze per i due ragazzi coinvolti, usciti prontamente dall'auto, con l'aiuto di due militari in servizio. 

«Se fossimo rimasti bloccati qualche secondo in più, sarebbe stato fatale. Stiamo bene, io e il mio amico siamo stati fortunati. Poteva finire molto peggio», le parole di Giulio Delle Donne, uno dei due sopravvissuti. I due ragazzi, colleghi universitari, erano di ritorno da una festa quando sono stati inghiottiti dalla voragine. «La strada ci è sprofondata sotto i piedi. Si è rotta la condotta, potevamo essere invasi dall'acqua. Sono arrivati i tre militari, anche un passante. Spero che dopo tutti questi episodi ci si decida finalmente di procedere a una mappatura dello stato degli impianti». 

Quello di stamattina è il terzo cedimento stradale in circa 30 giorni, la situazione di emergenza ha indotto l'esigenza di una riunione di coordinamento alla Prefettura di Napoli, per decretare ed avviare gli interventi da mettere in atto. 

Leggi l'articolo completo su
Il Mattino