Spinacorona, la sesta edizione chiude con quattromila spettatori

Spinacorona, la sesta edizione chiude con quattromila spettatori
Quasi quattromila spettatori, tra i quali numerosi turisti stranieri, hanno affollato i concerti della sesta edizione di Spinacoronapasseggiate musicali napoletane, il Festival...

Continua a leggere con la nostra Promo Flash:

X
Scade il 29/05
ANNUALE
11,99 €
79,99€
Per 1 anno
SCEGLI
MENSILE
1,00 €
6,99€
Per 3 mesi
SCEGLI
2 ANNI
29 €
159,98€
Per 2 anni
SCEGLI

VANTAGGI INCLUSI

  • Tutti gli articoli del sito, anche da app
  • Approfondimenti e newsletter esclusive
  • I podcast delle nostre firme

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA SPECIALE

Tutto il sito - Mese

6,99€ 1 € al mese x 12 mesi

Poi solo 4,99€ invece di 6,99€/mese

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Tutto il sito - Anno

79,99€ 9,99 € per 1 anno

Poi solo 49,99€ invece di 79,99€/anno

Quasi quattromila spettatori, tra i quali numerosi turisti stranieri, hanno affollato i concerti della sesta edizione di Spinacoronapasseggiate musicali napoletane, il Festival ideato e diretto da Michele Campanella e finanziato dal Comune di Napoli, prodotto daGabbianella Club e Ravello Creative Lab. La possibilità di ascoltare grande musica, finalmente dal vivo e accedendo liberamente a ognuno dei tredici diversi e straordinari luoghi che l’hanno ospitata, è stata un’ondata che ha felicemente coinvolto appassionati e curiosi che hanno salutato con grande calore i centotre protagonisti della rassegna e sono stati incantati dalla emozionante bellezza di Chiese, Conventi, Cortili e Musei che in molti casi erano fino a quel momento sconosciuti per i più. Dalle prime note delle giovanissime Nora e Aran SpignoliSoria, premiate come musiciste destinate a un radioso futuro, si è passati al Mozart dell’Orchestra della Toscana, Michele Campanella e Monica Leone fino al gran finale con Maria Pia De Vito, Gabriele Mirabassi e Huw Warren dedicato ai suoni e ai colori della nostra tradizione musicale rivissuti attraverso la lente cosmopolita del jazz più raffinato.

Il Sestetto del Concertgebouw di Amsterdam, il Fine Arts Quartet, KyokoYonemoto,Enrico Dindo, Calogero Palermo, Paolo Marzocchi, Valentina Coladonato, L’Astrée, il Quartetto Indaco, l’Ensemble Vocale di Napoli diretto da Antonio Spagnolo, Fabio Fabbrizzi e Guido Barbieri sono stati gli applauditi protagonisti di momenti di gioia o di autentica commozione. Monica Leone, Roberto Plano, LeonardoColafelice, Michele Campanella, Maurizio Baglini, Andrea Padova, Fabrizio Soprano e Francesco Libetta si sono dati il cambio nella intensa e coinvolgente staffetta lisztiana che ha occupato per intero la giornata di sabato 1 ottobre; l’ospite d’onore PēterisVasks, tra i nomi più illustri della nuova musica baltica, ha potuto far conoscere la sua musicaal pubblico italiano che l’ha apprezzata tributando al concerto monografico di domenica 2 uno straordinario successo.

 

Leggi l'articolo completo su
Il Mattino