Berlusconi: «Sto meglio ma è stata dura, ho sentito affetto sincero. Marta? Ha superato se stessa»

Prima intervista del leader di Forza Italia dopo le dimissioni: "Ora rinnovo il partito, gli italiani torneranno a darci larga fiducia"

Berlusconi: «Sto meglio ma è stata dura, ho sentito affetto. Marta? Ha superato se stessa»
Silvio Berlusconi ammette: «Sto meglio, è stata dura, ma sono sempre stato fiducioso. Mi sono affidato all'aiuto del Cielo e alla professionalità dei...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA FLASH
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

Silvio Berlusconi ammette: «Sto meglio, è stata dura, ma sono sempre stato fiducioso. Mi sono affidato all'aiuto del Cielo e alla professionalità dei medici». Così il leader di Forza Italia al Corriere della Sera, nella prima intervista post-ricovero, e a pochi giorni dall'aver lasciato l'ospedale. «Marta ha superato se stessa, mi è stata accanto con una cura e una dedizione senza eguali - ha aggiunto - Ho percepito anche questa volta l'amicizia e l'affetto sincero, a tratti addirittura commovente, di molte persone, anche sconosciute».

Berlusconi: «Ora sto meglio»

 

«Non ho mai smesso di lavorare - ha detto ancora - dando indicazioni e suggerimenti sulla campagna per le amministrative». Alla domanda su una possibile riorganizzazione del partito in vista delle Europee, l'ex premier ha risposto: «La storia di FI è quella di un continuo rinnovamento. Ma perché sia credibile dobbiamo prima di tutto rinnovare noi stessi. Continueremo a farlo, senza rottamare nessuno. FI ha una classe dirigente nazionale e locale esperta e autorevole. Ma non sono e non saranno soli, perché io continuerò a esercitare appieno le mie responsabilità di fondatore e di leader».

Sondaggi politici, Pd di Schlein: primo calo. Dieci punti da Fratelli d’Italia. Cresce la fiducia in Giorgia Meloni

Berlusconi, il retroscena sulle dimissioni: le "liti" con medici e famiglia per tornare a casa

 

Con gli alleati i rapporti sono «assolutamente eccellenti. Questo non toglie, ovviamente, che FI abbia un suo ruolo specifico. Con il Pd sempre più spostato a sinistra e il tramonto del cosiddetto Terzo polo, lo spazio al centro si allarga e FI lo presidia con coerenza. Renzi dice spesso cose giuste, ma fino a quando non ne trarrà le conseguenze politiche, scegliendo la nostra metà campo, non si potrà andare al di là di occasionali convergenze in Parlamento».

 

Rispetto invece al futuro di FI, «vedo una funzione sempre più importante, perché solo noi siamo il centro liberale e cristiano. Sul piano dei consensi siamo stati penalizzati dagli effetti di una persecuzione giudiziaria nei miei confronti basata sul nulla e conclusa con una serie di assoluzioni, ma che ci ha gravemente danneggiato sul piano dell'immagine. Credo che gli italiani se ne stiano rendendo conto e che torneranno a darci una larga fiducia».

Leggi l'articolo completo su
Il Mattino