Elezioni 2022, i candidati vip. Da Lollobrigida a Rivera, da Bassetti a Lotito. Il totonomi

Elezioni 2022, i candidati vip. Da Lollobrigida a Rivera, da Bassetti a Lotito. Il totonomi
Attori, calciatori, industriali. Divi e dive del cinema che fu, e poi ancora attivisti, virologi, sindacalisti. Tra i candidati alle prossime elezioni politiche c'è un...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 49,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

Attori, calciatori, industriali. Divi e dive del cinema che fu, e poi ancora attivisti, virologi, sindacalisti. Tra i candidati alle prossime elezioni politiche c'è un parterre vip di tutto rispetto. Chissà ad esempio la sorpresa di chi, il 25 settembre, troverà sulla scheda il nome di Gina Lollobrigida. Un caso di omonimia? No, tutto vero: la stella del cinema, 95 anni compiuti, è pronta a gettarsi in una nuova avventura politica.

Lollobrigida dal cinema a Italia sovrana e popolare

La notizia è di questo sabato: la protagonista di capolavori come «La donna più bella del mondo» scenderà in campo e sarà capolista al collegio uninominale del Senato a Latina per la lista Italia sovrana e popolare, che riunisce il Partito comunista, Patria socialista, Azione civile, Ancora Italia e Riconquistare l’Italia.

A spingere per la sua candidatura il suo avvocato Antonio Ingroia, «Lei ha voluto rifletterci qualche giorno perché comunque si tratta di una cosa impegnativa, ma ha accettato di buon grado», ha detto l'ex magistrato. Non è la prima volta che Lollobrigida lascia le scene per presentarsi alle urne. Già nel 1999 si era infatti candidata alle elezioni europee con la lista dei Democratici di Romano Prodi nell'ex circoscrizione dell'Italia centrale e meridionale ottenendo 10mila preferenze, non sufficienti per essere eletta.

 

 

Vip e dintorni 

Ma a poco più di un mese dalle elezioni – e mentre si avvicina la scadenza per la presentazione delle liste, fissata al 21 agosto – sui fogli elettorali iniziano ad apparire altri nomi noti. Con la lista "Vita" della deputata Sara Cunial, un punto di riferimento per i no-vax italiani, correrà una leggenda del calcio italiano come Gianni Rivera e insieme a lui l'artista Enrico Montesano. Sempre dall'universo no-vax appaiono ormai nomi come Stefano Puzzer, fondatore del Comitato "La gente come noi" e tra i leader delle proteste no green-pass, ma anche di Alessandra Schilirò, la vice-questore di Roma sospesa per aver partecipato alle manifestazioni contro il Green pass.

Gli sportivi

Sono diversi gli sportivi che si presenteranno al voto a settembre. Tra le fila di Forza Italia torna Valentina Vezzali, un nome di punta delle liste azzurre, più volte campionessa mondiale e olimpionica di scherma e sottosegretaria alla presidenza del Consiglio uscente. Ancora dal mondo dello sport, circola insistentemente da settimane il nome di Claudio Lotito, patron della Lazio e della Ternana per cui si parla di una possibile candidatura tra i ranghi di Forza Italia, anche se il diretto interessato smentisce.

Nomi noti arrivano dalle liste di Sinistra italiana guidata da Nicola Fratoianni, che in una recente conferenza stampa ha annunciato due candidature "vip". Da una parte Aboubakar Soumahoro, attivista ivoriano naturalizzato italiano che da anni si batte contro il capolarato e lo sfruttamento, dall'altra Ilaria Cucchi, attivista e sorella di Stefano Cucchi. Per Più Europa è invece più che ufficiale la candidatura, insieme al Pd, dell'economista della Cattolica di Milano Carlo Cottarelli, volto noto del dibattito pubblico italiano, fra l'altro, per aver dato la disponibilità a un incarico esplorativo di governo nel 2018. 

Sembra ormai certa poi la candidatura tra le fila del Pd della sindacalista Susanna Camusso, ex segretaria generale della Cgil. Nelle ultime ore si vocifera di un posto in lista in Campania anche se dalla Toscana c'è chi parla di un collegio garantito, in lista dietro al segretario del partito Enrico Letta.

Virologi futuri ministri? 

Che ne sarà, invece, dei virologi-star che per due anni hanno conquistato il piccolo schermo della tv italiana? La riserva non è ancora sciolta per Matteo Bassetti, infettivologo del San Martino di Genova assai corteggiato dalla Lega di Matteo Salvini che si è definito «un liberale» e può forse ambire a un ruolo in un eventuale governo a guida centrodestra. Meno dubbi invece sulla candidatura di un altro epidemiologo noto alle cronache, Pier Luigi Lopalco: sarà infatti tra i candidati indicati da Articolo Uno Puglia per le elezioni politiche del 25.

E i giornalisti? Anche tra loro ci sono nomi illustri che potrebbero correre. Nel centrodestra circolano con insistenza tre nomi. Il direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano, assai corteggiato da Fdi e la giornalista del Foglio Annalisa Chirico e l'ex inviata Rai Maria Giovanna Maglie che invece sarebbero state contattate dal Carroccio.

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino

Attori, calciatori, industriali. Divi e dive del cinema che fu, e poi ancora attivisti, virologi, sindacalisti. Tra i candidati alle prossime elezioni politiche c'è un parterre vip di tutto rispetto. Chissà ad esempio la sorpresa di chi, il 25 settembre, troverà sulla scheda il nome di Gina Lollobrigida. Un caso di omonimia? No, tutto vero: la stella del cinema, 95 anni compiuti, è pronta a gettarsi in una nuova avventura politica.

Lollobrigida dal cinema a Italia sovrana e popolare

La notizia è di questo sabato: la protagonista di capolavori come «La donna più bella del mondo» scenderà in campo e sarà capolista al collegio uninominale del Senato a Latina per la lista Italia sovrana e popolare, che riunisce il Partito comunista, Patria socialista, Azione civile, Ancora Italia e Riconquistare l’Italia.

A spingere per la sua candidatura il suo avvocato Antonio Ingroia, «Lei ha voluto rifletterci qualche giorno perché comunque si tratta di una cosa impegnativa, ma ha accettato di buon grado», ha detto l'ex magistrato. Non è la prima volta che Lollobrigida lascia le scene per presentarsi alle urne. Già nel 1999 si era infatti candidata alle elezioni europee con la lista dei Democratici di Romano Prodi nell'ex circoscrizione dell'Italia centrale e meridionale ottenendo 10mila preferenze, non sufficienti per essere eletta.

 

 

Vip e dintorni 

Ma a poco più di un mese dalle elezioni – e mentre si avvicina la scadenza per la presentazione delle liste, fissata al 21 agosto – sui fogli elettorali iniziano ad apparire altri nomi noti. Con la lista "Vita" della deputata Sara Cunial, un punto di riferimento per i no-vax italiani, correrà una leggenda del calcio italiano come Gianni Rivera e insieme a lui l'artista Enrico Montesano. Sempre dall'universo no-vax appaiono ormai nomi come Stefano Puzzer, fondatore del Comitato "La gente come noi" e tra i leader delle proteste no green-pass, ma anche di Alessandra Schilirò, la vice-questore di Roma sospesa per aver partecipato alle manifestazioni contro il Green pass.

Gli sportivi

Sono diversi gli sportivi che si presenteranno al voto a settembre. Tra le fila di Forza Italia torna Valentina Vezzali, un nome di punta delle liste azzurre, più volte campionessa mondiale e olimpionica di scherma e sottosegretaria alla presidenza del Consiglio uscente. Ancora dal mondo dello sport, circola insistentemente da settimane il nome di Claudio Lotito, patron della Lazio e della Ternana per cui si parla di una possibile candidatura tra i ranghi di Forza Italia, anche se il diretto interessato smentisce.

Nomi noti arrivano dalle liste di Sinistra italiana guidata da Nicola Fratoianni, che in una recente conferenza stampa ha annunciato due candidature "vip". Da una parte Aboubakar Soumahoro, attivista ivoriano naturalizzato italiano che da anni si batte contro il capolarato e lo sfruttamento, dall'altra Ilaria Cucchi, attivista e sorella di Stefano Cucchi. Per Più Europa è invece più che ufficiale la candidatura, insieme al Pd, dell'economista della Cattolica di Milano Carlo Cottarelli, volto noto del dibattito pubblico italiano, fra l'altro, per aver dato la disponibilità a un incarico esplorativo di governo nel 2018. 

Sembra ormai certa poi la candidatura tra le fila del Pd della sindacalista Susanna Camusso, ex segretaria generale della Cgil. Nelle ultime ore si vocifera di un posto in lista in Campania anche se dalla Toscana c'è chi parla di un collegio garantito, in lista dietro al segretario del partito Enrico Letta.

Virologi futuri ministri? 

Che ne sarà, invece, dei virologi-star che per due anni hanno conquistato il piccolo schermo della tv italiana? La riserva non è ancora sciolta per Matteo Bassetti, infettivologo del San Martino di Genova assai corteggiato dalla Lega di Matteo Salvini che si è definito «un liberale» e può forse ambire a un ruolo in un eventuale governo a guida centrodestra. Meno dubbi invece sulla candidatura di un altro epidemiologo noto alle cronache, Pier Luigi Lopalco: sarà infatti tra i candidati indicati da Articolo Uno Puglia per le elezioni politiche del 25.

E i giornalisti? Anche tra loro ci sono nomi illustri che potrebbero correre. Nel centrodestra circolano con insistenza tre nomi. Il direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano, assai corteggiato da Fdi e la giornalista del Foglio Annalisa Chirico e l'ex inviata Rai Maria Giovanna Maglie che invece sarebbero state contattate dal Carroccio.

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino