Liste Pd, ecco i nomi in Campania: Amendola e Topo in bilico, Sarracino capolista con Speranza

Sarà il segretario metropolitano del Pd, il 33enne Marco Sarracino, il capolista del listino di Napoli per i democrat. È stata, quella scorsa, una sorta di...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 49,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

Sarà il segretario metropolitano del Pd, il 33enne Marco Sarracino, il capolista del listino di Napoli per i democrat. È stata, quella scorsa, una sorta di notte dei lunghi coltelli per Enrico Letta, costretto a prendere decisioni complesse lasciando fuori o in bilico diversi big del suo partito. Scelte difficili, prese ieri a notte inoltrata dalla segreteria nazionale, dovute anche al dover "salvare" alcuni esponenti provenienti da altri partiti o da fuori regione. Ora è ufficiale chi scenderà in campo. 
Sono tre le candidature da fuori regione che ospiterà il Pd campano: su tutti il ministro della Salute, Roberto Speranza, che sarà il capolista di Napoli provincia. Dietro i due capolista Sarracino e Speranza il Pd ha piazzato Loredana Raia e, al terzo posto, Lello Topo sia nel collegio di Napoli città che della provincia.

Per Topo significa un seggio assai in bilico. Le "ospitate" del Pd campano non si fermano però a Speranza, al Senato sono state confermate le indiscrezioni che vedranno il ministro Franceschini capolista nel collegio napoletano e Susanna Camusso (alle sue spalle Federico Conte) nell'altro. Dietro Franceschini ci sono Valeria Valente e, solo al terzo posto, Enzo Amendola. Per un seggio il sottosegretario alla presidenza del consiglio deve probabilmente sperare che Valente sia eletta, in Puglia dove è stata candidata alle spalle di Francesco Boccia, oppure nell'uninominale di Napoli. 

Tutto confermato invece negli altri collegi. Piero De Luca sarà capolista a Salerno con Rosetta D'Amelio alle sue spalle. A Caserta capolista Stefano Graziano seguito da Antonella Pepe. Per gli esterni si conferma che Luigi Di Maio correrà nell'uninominale di Acerra e Pomigliano, lì dove potrebbe nascere la sfida della vita con l'ex premier e capo m5s, Giuseppe Conte. 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino

Sarà il segretario metropolitano del Pd, il 33enne Marco Sarracino, il capolista del listino di Napoli per i democrat. È stata, quella scorsa, una sorta di notte dei lunghi coltelli per Enrico Letta, costretto a prendere decisioni complesse lasciando fuori o in bilico diversi big del suo partito. Scelte difficili, prese ieri a notte inoltrata dalla segreteria nazionale, dovute anche al dover "salvare" alcuni esponenti provenienti da altri partiti o da fuori regione. Ora è ufficiale chi scenderà in campo. 
Sono tre le candidature da fuori regione che ospiterà il Pd campano: su tutti il ministro della Salute, Roberto Speranza, che sarà il capolista di Napoli provincia. Dietro i due capolista Sarracino e Speranza il Pd ha piazzato Loredana Raia e, al terzo posto, Lello Topo sia nel collegio di Napoli città che della provincia.

Per Topo significa un seggio assai in bilico. Le "ospitate" del Pd campano non si fermano però a Speranza, al Senato sono state confermate le indiscrezioni che vedranno il ministro Franceschini capolista nel collegio napoletano e Susanna Camusso (alle sue spalle Federico Conte) nell'altro. Dietro Franceschini ci sono Valeria Valente e, solo al terzo posto, Enzo Amendola. Per un seggio il sottosegretario alla presidenza del consiglio deve probabilmente sperare che Valente sia eletta, in Puglia dove è stata candidata alle spalle di Francesco Boccia, oppure nell'uninominale di Napoli. 

Tutto confermato invece negli altri collegi. Piero De Luca sarà capolista a Salerno con Rosetta D'Amelio alle sue spalle. A Caserta capolista Stefano Graziano seguito da Antonella Pepe. Per gli esterni si conferma che Luigi Di Maio correrà nell'uninominale di Acerra e Pomigliano, lì dove potrebbe nascere la sfida della vita con l'ex premier e capo m5s, Giuseppe Conte. 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino