Putin distrugge le grandi città che non può conquistare

Putin distrugge le grandi città (come Mariupol) che non può conquistare: lo scenario della "guerra infinita"
La fine della guerra in Ucraina sembra essere più lontana che mai dopo quasi tre mesi di catastrofe umanitaria. La Russia non ha ottenuto la rapida vittoria nella quale...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

PIÙ CONVENIENTE
2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO
PIÙ CONVENIENTE
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 49,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

La fine della guerra in Ucraina sembra essere più lontana che mai dopo quasi tre mesi di catastrofe umanitaria. La Russia non ha ottenuto la rapida vittoria nella quale sperava a febbraio, eppure Vladimir Putin non mostra alcun segno di abbandonare i suoi obiettivi originali di «smilitarizzare» e «denazificare» l'avversario. Le forze armate ucraine, sostenute dagli aiuti materiali dell'Occidente e dal sostegno morale della popolazione, restano fortemente motivate a difendersi dall'aggressione. In sostanza, è la ricetta perfetta per un feroce stallo.

Russia, la battaglia dei sabotaggi: un incendio a Mosca nel centro aerospaziale

Ucraina, cane da guerra abbandonato dalle truppe russe si "arruola" nell'esercito di Kiev

Russia, scarsità di truppe

«La Russia non ha truppe sufficienti per organizzare offensive contro le grandi città - afferma Nikolai Topornin, professore di relazioni internazionali in una grande università di Mosca - forse la Russia può prendere alcune delle città più piccole nella regione di Donetsk e Lugansk come Kramatorsk, Severodonetsk, Sloviansk. Ma l'idea che sarà possibile occupare centri come Dnipro o Zaporizhia non è realistica dato l'attuale equilibrio delle forze».

 

La Russia non è mobilitata

Nonostante le affermazioni di Putin alla parata militare del 9 maggio secondo cui la Russia stava combattendo per creare «un mondo senza posto per carnefici, teppisti e nazisti», la leadership politica russa non ha mobilitato la sua popolazione per la guerra. La Russia continua a definire le sue azioni in Ucraina come "operazione militare speciale" e questo significa che i coscritti non possono essere inviati in battaglia sul suolo ucraino. Anche se il Cremlino dichiarasse ufficialmente guerra nei prossimi giorni, occorrerebbero comunque settimane per equipaggiare e riqualificare le chiamate dei riservisti e mesi per preparare il prossimo lotto di soldati per il fronte.

Oliver Stone: «Putin ha già avuto il cancro». La rivelazione del regista che ha intervistato lo zar

L'occupazione dell'Ucraina

Questo non significa che una vittoria ucraina sia imminente. «Anche Kiev ammette che la Russia ha un vantaggio in termini di potenza di fuoco: carri armati, artiglieria, razzi, aeroplani», ha aggiunto Topornin. «Ciò rende quasi impossibile cacciare le truppe russe dal territorio che già occupano. È probabile che la guerra assuma un carattere più protratto, con continue battaglie a est e scioperi periodici per impedire la ripresa della vita regolare nelle aree ucraine dietro le linee del fronte».

Ucraina, Letta: «La pace non si ottiene inginocchiandosi davanti a Putin»

La strategia della terra bruciata

Nataliya Gumenyuk, fondatrice del Laboratorio di giornalismo di interesse pubblico ucraino, sottolinea che le tattiche russe possono essere definite come «strategia della 'terra bruciata', ma non un vero e proprio piano militare. All'inizio della guerra, i russi volevano conquistare e controllare le città, ma non potevano farlo. Ora sembra che vogliano evitare i combattimenti strada per strada preferendo i bombardamenti. Mosca non poteva prendere e tenere una città come Mariupol, quindi l'hanno distrutta». Ogni settimana ci sono decine di questi attacchi, per lo più concentrati contro grandi città del nord come Kharkiv e Kyiv, ma che si estendono anche a sud fino a Mykolaiv e Odessa sulla costa del Mar Nero, e occasionalmente colpiscono fino all'estremo ovest di Leopoli.

Guerra, la diretta. Parigi: per Ucraina in Ue serviranno 15-20 anni. Mosca, la grande offensiva sul Donbass

Russia impero ferito

Volodymyr Yermolenko, redattore capo del media indipendente UkraineWorld, sottolinrea che «solo una sconfitta totale può impedire alla leadership moscovita di continuare questa guerra. La Russia è un impero ferito, proprio come lo erano la Germania nazista e l'Italia fascista, e gli ucraini capiscono che qualsiasi accordo per deporre le armi porterebbe solo a ulteriori massacri come quello di Bucha. Dobbiamo essere preparati per una lotta molto lunga". "È un fatto confermato che i battaglioni nazionalisti ucraini stavano preparando un attacco non solo contro i territori del Donbas, ma forse anche contro la stessa Russia", afferma Alexander Kazakov, uno stratega politico con sede a Mosca che dal 2014 al 2018 è stato uno dei principali consiglieri dell'ex Il capo della "Repubblica popolare di Donetsk" Alexander Zakharchenko. "Se non avessimo iniziato la nostra operazione il 24 febbraio, ci sarebbero già centinaia di migliaia di morti a causa della pulizia etnica portata avanti dal regime di Kiev".

Le condizioni dell'eserito russo

Secondo Margarita Konaev, vicedirettore analisi presso il Center for Security and Emerging Technology «c'è un accordo generale sul fatto che l'esercito russo non sia in un grande stato, ma la politica guida la guerra e l'esercito russo rispetterà le direttive politiche. Finché c'è una direttiva politica per continuare la lotta, l'esercito cercherà almeno di eseguire gli ordini». È molto probabile, quindi, che gli ucraini manterranno la loro resistenza più a lungo di quanto Putin possa mantenere il potere a Mosca, ma la loro capacità materiale di continuare la lotta dipende dalla volontà politica del mondo democratico di continuare a fornire a Kiev aiuti militari ed economici. Paradossalmente, ogni arma letale che attraversa il confine polacco diminuisce le possibilità che si verifichi il prossimo massacro di Bucha o l'operazione di punizione di Mariupol.

Russia, la battaglia dei sabotaggi: un incendio a Mosca nel centro aerospaziale

Le domande rimanenti più pertinenti sono: quanti russi e ucraini verranno uccisi, quanto brutalmente e per quanto tempo prima che una parte o l'altra alla fine crolli? Konaev riassume la situazione: «Sono passati solo poco più di due mesi, l'esercito russo soffre di vulnerabilità ancora maggiori di quelle che possiamo vedere dall'esterno, eppure i combattimenti sono stati abbastanza intensi da coostringere un terzo della popolazione ucraina a spostarsi dalle loro case. L'esercito russo non deve essere efficace per causare gravi danni. L'abbiamo visto». Il mondo dovrebbe prepararsi a una guerra che duri molto più tempo di quanto la maggior parte degli osservatori esterni obiettivi possa immaginare.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino

La fine della guerra in Ucraina sembra essere più lontana che mai dopo quasi tre mesi di catastrofe umanitaria. La Russia non ha ottenuto la rapida vittoria nella quale sperava a febbraio, eppure Vladimir Putin non mostra alcun segno di abbandonare i suoi obiettivi originali di «smilitarizzare» e «denazificare» l'avversario. Le forze armate ucraine, sostenute dagli aiuti materiali dell'Occidente e dal sostegno morale della popolazione, restano fortemente motivate a difendersi dall'aggressione. In sostanza, è la ricetta perfetta per un feroce stallo.

Russia, la battaglia dei sabotaggi: un incendio a Mosca nel centro aerospaziale

Ucraina, cane da guerra abbandonato dalle truppe russe si "arruola" nell'esercito di Kiev

Russia, scarsità di truppe

«La Russia non ha truppe sufficienti per organizzare offensive contro le grandi città - afferma Nikolai Topornin, professore di relazioni internazionali in una grande università di Mosca - forse la Russia può prendere alcune delle città più piccole nella regione di Donetsk e Lugansk come Kramatorsk, Severodonetsk, Sloviansk. Ma l'idea che sarà possibile occupare centri come Dnipro o Zaporizhia non è realistica dato l'attuale equilibrio delle forze».

 

La Russia non è mobilitata

Nonostante le affermazioni di Putin alla parata militare del 9 maggio secondo cui la Russia stava combattendo per creare «un mondo senza posto per carnefici, teppisti e nazisti», la leadership politica russa non ha mobilitato la sua popolazione per la guerra. La Russia continua a definire le sue azioni in Ucraina come "operazione militare speciale" e questo significa che i coscritti non possono essere inviati in battaglia sul suolo ucraino. Anche se il Cremlino dichiarasse ufficialmente guerra nei prossimi giorni, occorrerebbero comunque settimane per equipaggiare e riqualificare le chiamate dei riservisti e mesi per preparare il prossimo lotto di soldati per il fronte.

Oliver Stone: «Putin ha già avuto il cancro». La rivelazione del regista che ha intervistato lo zar

L'occupazione dell'Ucraina

Questo non significa che una vittoria ucraina sia imminente. «Anche Kiev ammette che la Russia ha un vantaggio in termini di potenza di fuoco: carri armati, artiglieria, razzi, aeroplani», ha aggiunto Topornin. «Ciò rende quasi impossibile cacciare le truppe russe dal territorio che già occupano. È probabile che la guerra assuma un carattere più protratto, con continue battaglie a est e scioperi periodici per impedire la ripresa della vita regolare nelle aree ucraine dietro le linee del fronte».

Ucraina, Letta: «La pace non si ottiene inginocchiandosi davanti a Putin»

La strategia della terra bruciata

Nataliya Gumenyuk, fondatrice del Laboratorio di giornalismo di interesse pubblico ucraino, sottolinea che le tattiche russe possono essere definite come «strategia della 'terra bruciata', ma non un vero e proprio piano militare. All'inizio della guerra, i russi volevano conquistare e controllare le città, ma non potevano farlo. Ora sembra che vogliano evitare i combattimenti strada per strada preferendo i bombardamenti. Mosca non poteva prendere e tenere una città come Mariupol, quindi l'hanno distrutta». Ogni settimana ci sono decine di questi attacchi, per lo più concentrati contro grandi città del nord come Kharkiv e Kyiv, ma che si estendono anche a sud fino a Mykolaiv e Odessa sulla costa del Mar Nero, e occasionalmente colpiscono fino all'estremo ovest di Leopoli.

Guerra, la diretta. Parigi: per Ucraina in Ue serviranno 15-20 anni. Mosca, la grande offensiva sul Donbass

Russia impero ferito

Volodymyr Yermolenko, redattore capo del media indipendente UkraineWorld, sottolinrea che «solo una sconfitta totale può impedire alla leadership moscovita di continuare questa guerra. La Russia è un impero ferito, proprio come lo erano la Germania nazista e l'Italia fascista, e gli ucraini capiscono che qualsiasi accordo per deporre le armi porterebbe solo a ulteriori massacri come quello di Bucha. Dobbiamo essere preparati per una lotta molto lunga". "È un fatto confermato che i battaglioni nazionalisti ucraini stavano preparando un attacco non solo contro i territori del Donbas, ma forse anche contro la stessa Russia", afferma Alexander Kazakov, uno stratega politico con sede a Mosca che dal 2014 al 2018 è stato uno dei principali consiglieri dell'ex Il capo della "Repubblica popolare di Donetsk" Alexander Zakharchenko. "Se non avessimo iniziato la nostra operazione il 24 febbraio, ci sarebbero già centinaia di migliaia di morti a causa della pulizia etnica portata avanti dal regime di Kiev".

Le condizioni dell'eserito russo

Secondo Margarita Konaev, vicedirettore analisi presso il Center for Security and Emerging Technology «c'è un accordo generale sul fatto che l'esercito russo non sia in un grande stato, ma la politica guida la guerra e l'esercito russo rispetterà le direttive politiche. Finché c'è una direttiva politica per continuare la lotta, l'esercito cercherà almeno di eseguire gli ordini». È molto probabile, quindi, che gli ucraini manterranno la loro resistenza più a lungo di quanto Putin possa mantenere il potere a Mosca, ma la loro capacità materiale di continuare la lotta dipende dalla volontà politica del mondo democratico di continuare a fornire a Kiev aiuti militari ed economici. Paradossalmente, ogni arma letale che attraversa il confine polacco diminuisce le possibilità che si verifichi il prossimo massacro di Bucha o l'operazione di punizione di Mariupol.

Russia, la battaglia dei sabotaggi: un incendio a Mosca nel centro aerospaziale

Le domande rimanenti più pertinenti sono: quanti russi e ucraini verranno uccisi, quanto brutalmente e per quanto tempo prima che una parte o l'altra alla fine crolli? Konaev riassume la situazione: «Sono passati solo poco più di due mesi, l'esercito russo soffre di vulnerabilità ancora maggiori di quelle che possiamo vedere dall'esterno, eppure i combattimenti sono stati abbastanza intensi da coostringere un terzo della popolazione ucraina a spostarsi dalle loro case. L'esercito russo non deve essere efficace per causare gravi danni. L'abbiamo visto». Il mondo dovrebbe prepararsi a una guerra che duri molto più tempo di quanto la maggior parte degli osservatori esterni obiettivi possa immaginare.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino