Scuola, il ministero valuta test salivari per gli studenti. I sindacati: il governa riveda la decisioni di aprire il 26/4

«Il ministero della Salute sta valutando l'evidenza del test salivare per monitorare, attraverso gruppi di alunni, e prevenire l'eventuale contagio importando il modello Lazio e Bolzano a scuola un po' in tutte le Regioni, ma sono queste ultime che hanno la competenza: e questo ci preoccupa, avremo ancora una volta una situazione a macchia di leopardo». Lo dice Maddalena Gissi, segretario Cisl Scuola. Gissi sottolinea come sia sbagliata la difformità tra territori che ha portato la dad a richiesta, per esempio, in Puglia. «Serve una presa di posizione di Regioni, Anci, Upi e Governo per garantire maggiore uniformità», aggiunge.

Roma, in una scuola su tre non si torna in aula: sì ai corsi all’aperto

Covid Veneto, venti studenti delle medie alla festa di compleanno: scoppia il focolaio

Intanto la FLC CGIL chiede che il Governo rivaluti la scelta per la ripresa attività scolastiche in presenza al 100% dal 26 aprile e lavori concretamente per raggiungere l'obiettivo in sicurezza a partire dalla ripresa immediata della campagna di vaccinazione. «Ci troviamo davanti a un atto di volontà politica non supportato da condizioni reali. Prima di decidere la riapertura al 100% in presenza bisogna riprendere subito la campagna di vaccinazione, rinnovare i protocolli di sicurezza, effettuare tracciamenti, anche a campione, valutare i dati dei vaccinati. In caso contrario non c'è alcuna garanzia», dice il segretario Francesco Sinopoli.

Scuola, Miozzo: «Test e lezioni all'aperto, ma turni solo dove serve»

 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino
Vaccini, il Paese è diviso in due: in Lombardia le dosi ai sedicenni
In Campania vaccini agli over 40 ma i nonni aspettano ancora la dose
Fedriga: sistema a colori superato, riaprire subito palestre e piscine
Green pass Ue e carta verde: due strumenti per salvare l’estate
Ripartono lidi balneari e piscine, a Napoli è boom di prenotazioni