Vaiolo delle scimmie, bambina di 4 anni contagiata in Germania: non presenta sintomi

C'è un primo bambino contagiato dal vaiolo delle scimmie. È una bambina di 4 anni di Pforzheim, nel sud-ovest della Germania, ed è il primo caso...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 49,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

C'è un primo bambino contagiato dal vaiolo delle scimmie. È una bambina di 4 anni di Pforzheim, nel sud-ovest della Germania, ed è il primo caso pediatrico di vaiolo delle scimmie (monkeypox) confermato nel Paese. Lo ha comunicato il Robert Koch Institute (Rki), ente nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie. 

In Italia attualmente ci sono 599 casi confermati di persone che hanno contratto il vaiolo delle scimmie. 

 

La piccola vive in una famiglia con due adulti infettati e non è entrata in contatto con nessuno, eccetto i parenti. Al momento non presenta sintomi. È stata visitata da un medico a scopo precauzionale, e sottoposta a un tampone alla gola che è risultato positivo. In Germania sono stati segnalati all'Rki 2.916 casi di Monkeypox virus in meno di 3 mesi. Quasi tutti i contagiati sono maschi; 7 le femmine. «Secondo le conoscenze attuali, per la trasmissione dell'agente patogeno è necessario un contatto stretto», confermano dall'Rki, ricordando che nel corso di questa epidemia la trasmissione sta avvenendo principalmente nel contesto dell'attività sessuale e che «la maggior parte delle persone infettate non si ammala gravemente». Secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità, i bambini contagiati dal vaiolo delle scimmie sono al momento un piccolo numero. 

Estate di nuove malattie: West Nile, vaiolo, usutu. E boom delle patologie legate alle punture di zanzara

In Italia: 54 casi in più in 4 giorni

Salgono a 599 i casi confermati di vaiolo delle scimmie in Italia, 54 in più rispetto all'ultima rilevazione di 4 giorni fa, secondo il bollettino pubblicato dal ministero della Salute con dati aggiornati a oggi, 9 agosto. Nella casistica nazionale aumentano a 9 le donne, da 5 del report precedente, a fronte di 590 uomini. I contagi collegati a viaggi all'estero sono 169 (+10) e l'età mediana dei pazienti è di 37 anni (per un range che va dai 20 ai 71 anni). La regione con il più alto numero di casi confermati resta la Lombardia che ne segnala 265, seguita da Lazio (114), Emilia Romagna (65), Veneto (42), Toscana (25), Piemonte (22), Campania (18), Liguria e Puglia (12), Friuli Venezia Giulia (11). Ferme a 5 le regioni che non hanno ancora segnalato nessuna infezione da Monkeypox virus (Basilicata, Calabria, Molise, Umbria e Valle d'Aosta). Le restanti, comprese le province autonome di Bolzano e di Trento, contano meno di 10 contagi.

Loading...

 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino

C'è un primo bambino contagiato dal vaiolo delle scimmie. È una bambina di 4 anni di Pforzheim, nel sud-ovest della Germania, ed è il primo caso pediatrico di vaiolo delle scimmie (monkeypox) confermato nel Paese. Lo ha comunicato il Robert Koch Institute (Rki), ente nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie. 

In Italia attualmente ci sono 599 casi confermati di persone che hanno contratto il vaiolo delle scimmie. 

 

La piccola vive in una famiglia con due adulti infettati e non è entrata in contatto con nessuno, eccetto i parenti. Al momento non presenta sintomi. È stata visitata da un medico a scopo precauzionale, e sottoposta a un tampone alla gola che è risultato positivo. In Germania sono stati segnalati all'Rki 2.916 casi di Monkeypox virus in meno di 3 mesi. Quasi tutti i contagiati sono maschi; 7 le femmine. «Secondo le conoscenze attuali, per la trasmissione dell'agente patogeno è necessario un contatto stretto», confermano dall'Rki, ricordando che nel corso di questa epidemia la trasmissione sta avvenendo principalmente nel contesto dell'attività sessuale e che «la maggior parte delle persone infettate non si ammala gravemente». Secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità, i bambini contagiati dal vaiolo delle scimmie sono al momento un piccolo numero. 

Estate di nuove malattie: West Nile, vaiolo, usutu. E boom delle patologie legate alle punture di zanzara

In Italia: 54 casi in più in 4 giorni

Salgono a 599 i casi confermati di vaiolo delle scimmie in Italia, 54 in più rispetto all'ultima rilevazione di 4 giorni fa, secondo il bollettino pubblicato dal ministero della Salute con dati aggiornati a oggi, 9 agosto. Nella casistica nazionale aumentano a 9 le donne, da 5 del report precedente, a fronte di 590 uomini. I contagi collegati a viaggi all'estero sono 169 (+10) e l'età mediana dei pazienti è di 37 anni (per un range che va dai 20 ai 71 anni). La regione con il più alto numero di casi confermati resta la Lombardia che ne segnala 265, seguita da Lazio (114), Emilia Romagna (65), Veneto (42), Toscana (25), Piemonte (22), Campania (18), Liguria e Puglia (12), Friuli Venezia Giulia (11). Ferme a 5 le regioni che non hanno ancora segnalato nessuna infezione da Monkeypox virus (Basilicata, Calabria, Molise, Umbria e Valle d'Aosta). Le restanti, comprese le province autonome di Bolzano e di Trento, contano meno di 10 contagi.

Loading...

 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino