Saldi al via ovunque, ma al ralenti: a Napoli niente caos e fila alla cassa

GUARDA IL VIDEO

Gigantesche scritte «Saldi» sulle vetrine di piccoli e grandi negozi, nei centri commerciali e fra le strade. Bene in vista, per attirare quanti più passanti possibile, ma nessuna fila chilometrica alle casse, nessun litigio per accaparrarsi gli ultimi pezzi, quelli più richiesti; nessuna sveglia all’alba per correre nei negozi a far compere, né alcuna pazzia particolare per approfittare degli sconti: niente di tutto ciò. Eppure è il 1 luglio, e iniziano ufficialmente i saldi: il momento tanto atteso dagli amanti dello shopping per poter acquistare i capi e i prodotti più desiderati sperando di trovare offerte super. Un inizio anomalo quindi: a Napoli, ma anche nelle altre grandi città d’Italia, non è più come una volta. Negli ultimi tempi in giro per la città anche la sindrome da shopping compulsivo si è ridotta: questione di necessità, in tempi di crisi le priorità sono altre.
 

Si accusa una «partenza al rallentatore», come sottolinea anche il Codacons, che sta monitorando l’andamento degli sconti di fine stagione. Tante persone in giro per i negozi, ma anche tanta attenzione: parecchi si dedicano ad un giro di perlustrazione, solo per farsi un’idea delle cose da poter acquistare, confrontare i prezzi e verificare se gli sconti siano effettivi. Insomma, sono pochi coloro che possono comprare in maniera disinvolta senza farsi troppi conti in tasca, anche ora che ci sono gli sconti. Il tutto fra lo sguardo preoccupato dei commercianti: «Non si è sentito proprio l’inizio dei saldi per ora. Tanta merce a terra, ma poche vendite», è il pensiero comune di molti negozianti della città. Qualcuno dice «Sta gente tene ‘e man tirat», ma forse semplicemente la crisi si sente per tutti.
 
 «Nelle prime ore di saldi non si è registrato un particolare afflusso di cittadini a caccia di offerte. A Roma come a Milano e a Napoli la partenza degli sconti appare tiepida, mentre nel resto d’Italia solo gli outlet e i grandi centri commerciali registrano buone presenze e qualche coda fuori dai negozi, alimentata, specie nei grandi centri, dai turisti stranieri», sostiene il presidente del Codacons Carlo Rienzi. «In linea generale si conferma l’atteggiamento di massima prudenza da parte dei consumatori - prosegue Rienzi – e nella prima giornata di saldi, infatti, non si registra alcuna corsa all’acquisto, con le grandi famiglie che preferiscono girare per negozi, osservare le vetrine e monitorare prezzi e percentuali di sconti, rimandando le compere ai prossimi giorni».

E infatti ci sono donne che si preoccupano prima delle spese familiari, per cui aspettano. Ma anche i più giovani temporeggiano: l’idea comune è che i veri saldi inizino più avanti, ad agosto magari, quando i negozianti saranno costretti a svendere al massimo la merce di fine stagione pur di recuperare qualcosa. Ora si aspetta. La folla c’è solo ai supermercati a Napoli, durante tutto l’anno: al cibo non si può rinunciare, le famiglie si concedono lì qualche sfizio in più.

Forse è solo il primo week end di luglio, e chi può è corso al mare per sfuggire al caldo e all’afa della città. Ma spesso i centri commerciali e i grandi negozi sono stati meta preferita dei napoletani nelle giornate di soffocante caldo estivo, e ogni tanto qualche compera scappava. Per ora invece calma piatta, con grande avvilimento e preoccupazione da parte dei rappresentanti del terzo settore.

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino
Covid Campania, 3.186 casi e 15 morti: in un giorno 88 ricoverati e ​525 guariti
Lockdown, De Luca contro tutti: «Napoli zona rossa è stupidaggine»
Covid, De Luca firma l'ordinanza: da lunedì chiudono anche gli asili
Napoli, de Magistris chiama De Luca per il lockdown: ok del governatore
Cassa Covid, Conte apre ai sindacati: «Blocco licenziamenti fino a marzo»