La passerella del figlio del boss: visita blindata alla zia ammalata

SARNO - È in carcere da 18 anni. Ieri, a bordo di un furgone della polizia penitenziaria, sorvegliato da agenti del commissariato e carabinieri, è tornato a Sarno...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 49,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive
SARNO - È in carcere da 18 anni. Ieri, a bordo di un furgone della polizia penitenziaria, sorvegliato da agenti del commissariato e carabinieri, è tornato a Sarno per far visita in via Sodano alla zia gravemente ammalata, sorella del padre, dopo un permesso di due ore, accordatogli dal giudice di sorveglianza. Matteo Serino, 45 anni, figlio del boss Aniello Serino, anch’egli detenuto per una condanna all’ergastolo, deve finire di scontare una condanna per vari reati. Dai tanti filoni d’inchiesta a suo carico, è emerso il suo ruolo di estorsore ai danni di imprenditori e commercianti. Per chiedere tangenti, si faceva forte del terrore che incute a Sarno il solo nome del padre.

Matteo Serino sta scontando una condanna a 23 anni per omicidio. Nel 2002 venne arrestato insieme ad altre tre persone per l’omicidio del camionista Carmine Nappi, avvenuto a Palma Campania l’8 luglio del 2000. L’uomo, incensurato, fu ucciso in pieno centro abitato a bordo del suo automezzo mentre si trovava in compagnia di un bambino di tre anni. Nonostante alcuni motivi di gelosia l’omicidio era da ritenersi inserito, secondo gli inquirenti, nell’ambito delle finalità proprie della criminalità organizzata. Matteo Serino, avrebbe infatti organizzato il delitto al fine di dimostrare alla criminalità locale le capacità delinquenziali del suo gruppo ed ottenere così rispetto e sostegno.  Leggi l'articolo completo
su Il Mattino
SARNO - È in carcere da 18 anni. Ieri, a bordo di un furgone della polizia penitenziaria, sorvegliato da agenti del commissariato e carabinieri, è tornato a Sarno per far visita in via Sodano alla zia gravemente ammalata, sorella del padre, dopo un permesso di due ore, accordatogli dal giudice di sorveglianza. Matteo Serino, 45 anni, figlio del boss Aniello Serino, anch’egli detenuto per una condanna all’ergastolo, deve finire di scontare una condanna per vari reati. Dai tanti filoni d’inchiesta a suo carico, è emerso il suo ruolo di estorsore ai danni di imprenditori e commercianti. Per chiedere tangenti, si faceva forte del terrore che incute a Sarno il solo nome del padre.

Matteo Serino sta scontando una condanna a 23 anni per omicidio. Nel 2002 venne arrestato insieme ad altre tre persone per l’omicidio del camionista Carmine Nappi, avvenuto a Palma Campania l’8 luglio del 2000. L’uomo, incensurato, fu ucciso in pieno centro abitato a bordo del suo automezzo mentre si trovava in compagnia di un bambino di tre anni. Nonostante alcuni motivi di gelosia l’omicidio era da ritenersi inserito, secondo gli inquirenti, nell’ambito delle finalità proprie della criminalità organizzata. Matteo Serino, avrebbe infatti organizzato il delitto al fine di dimostrare alla criminalità locale le capacità delinquenziali del suo gruppo ed ottenere così rispetto e sostegno.  Leggi l'articolo completo
su Il Mattino