Salerno ricorda Giulia e Thiago: fiori e peluche sulla panchina rossa davanti alla cittadella giudiziaria

Momento di spontanea solidarietà a Salerno per Giulia e Thiago: fiori e peluche sulla panchina rossa della cittadella giudiziaria

Il momento della deposizione dei fiori e del peluche sulla panchina
Un fascio di fiori ed un peluche deposti sulla panchina rossa davanti alla Cittadella giudiziaria per commemorare Giulia Tramontano e il piccolo Thiago. Una manifestazione...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA FLASH
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA SPECIALE

Tutto il sito - Mese

6,99€ 1 € al mese x 12 mesi

Poi solo 4,99€ invece di 6,99€/mese

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Tutto il sito - Anno

79,99€ 9,99 € per 1 anno

Poi solo 49,99€ invece di 79,99€/anno

Un fascio di fiori ed un peluche deposti sulla panchina rossa davanti alla Cittadella giudiziaria per commemorare Giulia Tramontano e il piccolo Thiago. Una manifestazione estemporanea che si è tenuta ieri mattina, nel giorno in cui si sono celebrati i funerali della giovane donna barbaramente uccisa dal compagno, pensata da alcuni dipendenti del personale giudiziario salernitano: uomini e donne, che operano nella giustizia, impegnati quotidianamente nella lotta contro la violenza. L’estemporaneità della manifestazione è stata dettata dalla circostanza che molti hanno voluto partecipare ai funerali che si sono svolti a Sant’Antimo in provincia di Napoli (le esequie sono state celebrate in forma privata, ma tantissimi hanno atteso all’uscita dalla chiesa) e per questo la comunicazione dell’evento ha raggiunto poche persone: nonostante ciò, sentita è stata la partecipazione per un’uccisione che «lascia tutti attoniti e disperati e sebbene mamma e bimbo non si possono riportare in vita, è giusto riflettere e condividere pensieri sulla realtà di questi tragici eventi, diffondendo messaggi di solidarietà e speranza affinché quanto accaduto non si ripeta», ha affermato il funzionario della Corte di appello di Salerno, Marianna De Martino, segretario territoriale Uilpa.

E continua: «Abbiamo tutti il dovere morale di diffondere in concreto un messaggio di amore e fratellanza per fornire il nostro contributo di testimonianza di condanna difronte a tali eventi. Dobbiamo essere parte attiva nell’educazione ai sentimenti e al rispetto della vita e della dignità di ogni essere umano e delle scelte (quelle delle vittime) che vengono erroneamente vissute come un oltraggio al senso del possesso dell’altro».

Leggi l'articolo completo su
Il Mattino