Polonia superpotenza, così sta diventando la più grande forza terrestre Nato: «Putin non avrà coraggio di aggredirci»

2 di 4
L'obiettivo «Il ministro della Difesa...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA FLASH
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

L'obiettivo

«Il ministro della Difesa polacco, Mariusz Moszkowski ha affermato che il membro della Nato vuole dimostrare di avere la più grande forza terrestre d’Europa, compreso il raddoppio delle sue forze di difesa a 300.000 effettivi, per contrastare la minaccia posta dalla Russia di Putin». Non a caso, lo scorso maggio durante una conferenza stampa, aveva dichiarato: «Il nostro obiettivo è creare un esercito polacco così forte che un possibile aggressore non oserebbe attaccare la nostra patria». Scrive il sito Business Insider: «Mentre le previsioni mostrano che la Polonia, che ha aderito alla Nato nel 1999, dovrebbe spendere quest’anno il 3,9% del suo Pil nella difesa, quasi il doppio dell’obiettivo Nato del 2% Finlandia, Romania, Ungheria e Slovacchia hanno tutte aumentato la loro spesa oltre il 2%, evidenziando le crescenti preoccupazioni per la sicurezza in Europa».

2 di 4
Capri, un G7 per la pace: schierati 1.400 uomini
Stazione Bayard, la svolta: via alla messa in sicurezza
La «Fontana degli Incanti» ritrova i leoni dimenticati
Bonus edilizi verso la riforma, aliquote giù e tagli ai massimali
Il mobile come opera d’arte: se il Salone sfida il low cost