Morto Pietro Anastasi: fu bomber di Juventus, Inter e Nazionale

Calcio in lutto. Si è spento all'età di 71 anni Pietro Anastasi, bomber che a cavallo degli Anni 60 e 70 fece sognare i tifosi di Juventus, Inter e della Nazionale con cui vinse l'Europeo a Roma nel '68. Era malato da tempo.
Siciliano verace, era nato a Catania il 7 aprile del 1948, Anastasi mosse i primi passi nella Massiminiana. Di qui la partenza verso Varese, profondo Nord, e il decollo verso il calcio dei big. Approda alla Juventus e in bianconero rimase per otto stagioni a cavallo degli anni 1960 e 1970 diventandone uno degli uomini-simbolo, nonché tra i più amati dai tifosi tanto da diventare capitano della Signora dal 1974 al 1976.

Alla Juve vinse tre scudetti nel 1971-1972, 1972-1973 e 1974-1975, disputando inoltre le finali di Coppa delle Fiere, nel 1971, Coppa dei Campioni e Coppa Intercontinentale, queste ultime entrambe nel 1973. In bianconero 258 partite in serie A con 78 reti.
 
Finita la parabola juventina, passò all'Inter, con cui vinse la Coppa Italia del '78. Quindi gli ultimi scampoli di carriera all'Ascoli (dal '79 all'81) e in Svizzera al Lugano dove chiude col calcio giocato nel 1982.
In Nazionale ha vinto l'unico titolo europeo degli azzurri, quello di Roma '68 nella doppia finale contro la Jugoslavia: suo il gol del 2-0 che chiuse i conti dopo il vantaggio di Riva. Con l'Italia 25 presenze e 8 gol.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino
Coronavirus a Napoli, l'avvocato contagiato: «Ho minacciato la denuncia per fare il test»
Ciclisti italiani positivi al tour, Froome sottoposto al test
Coronavirus, la base militare di Roccaraso centro di quarantena
La Francia ha il nostro problema: focolaio senza il paziente zero
Metropolitana di Napoli: linea 1 ferma per sei ore, il giallo del guasto al cervellone