Papa Francesco è di nuovo influenzato: tac al Gemelli per escludere complicazioni polmonari. Ecco come sta

Bergoglio ha 86 anni ma assicurano che la sua salute sia "buona"

Il Papa «è di nuovo influenzato» ma in Vaticano assicurano che non è il raffreddore di Breznev. Ecco come sta veramente
Stamattina presto il Papa si è alzato con mal di gola, tosse e un po' di febbre. Nelle prime ore del pomeriggio si è sottoposto a una Tac all'Ospedale...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA FLASH
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

Stamattina presto il Papa si è alzato con mal di gola, tosse e un po' di febbre. Nelle prime ore del pomeriggio si è sottoposto a una Tac all'Ospedale Gemelli Isola per escludere il rischio di complicazioni polmonari. L'esame ha dato esito negativo ed è rientrato a Casa Santa Marta. Lo comunica la Sala stampa vaticana che sin da stamattina aveva diffuso un comunicato facendo alimentare preoccupazione in tutto il mondo: «a causa di un leggero stato influenzale tutte le udienze previste in mattinata sono state annullate».

In Vaticano assicurano però che non si tratta del classico raffreddore di Breznev (risutato poi fatale perché risultò in realtà essere una grave patologia renale), ma di un banale malessere di carattere stagionale che evidentemente si trascina da qualche tempo visto che lui stesso, due settimane fa, aveva annunciato agli ospiti del momento – dei rabbini europei - che non si sentiva tanto bene e avrebbe evitato di leggere loro il lungo discorso previsto. Quel giorno, successivamente, aveva continuato a lavorare, ricevere migliaia di bambini, stringere mani, benedire, salutare e a fine giornata, dopo tre ore intensissime, battezzare anche un neonato ucraino di una famiglia di profughi polacchi. 

Papa Francesco al Tg1: «L'antisemitismo c'è ancora, la Shoah non è bastata. Ogni guerra è una sconfitta, servono due stati»

La salute dell'86enne pontefice, a detta dei suoi collaboratori più stretti, viene descritta come buona, fermo restando l'età avanzata e i continui dolori articolari all'anca e al ginocchio che mitiga con farmaci e fisioterapia continua sotto il controllo del suo assistente sanitario di fiducia, l'infermiere Massimiliano Strappetti, il professionista che secondo Bergoglio di ha di fatto salvato la vita convincendolo a sottoporsi all'operazione al colon, al Gemelli, per togliergli definitivamente le aderenze che erano rimaste e continuavano a dargli problemi. Ad avere influito sulla febbricola odierna probabilmente i postumi del vaccino antinfluenzale e forse il freddo che ha preso mercoledì scorso sulla macchina scoperta, durante l'udienza generale. 

Papa Francesco: «La cultura russa non va cancellata». E sulla salute: «Il prossimo viaggio? Lo farà Giovanni XXIV»

«Nelle prime ore del pomeriggio Papa Francesco si è sottoposto a una Tac all'Ospedale Gemelli Isola a Roma, per escludere il rischio di complicazioni polmonari. L'esame ha dato esito negativo e il Papa è rientrato a Casa Santa Marta». Lo comunica la Sala stampa vaticana.

Al di là delle dichiarazioni rassicuranti che arrivano dal suo entourage il vero test sulla salute del Papa è previsto per domani a mezzogiorno: teleobiettivi potentissimi e occhi puntati necessariamente sulla finestra del Palazzo Apostolico per scorgere eventuali segnali anomali: per esempio la voce roca, il respiro più affannoso del solito (tenendo conto della situazione polmonare fragile causata da una operazione subita quando era ragazzo), il viso gonfio tipico di chi assume farmaci cortisonici, le mani tremanti. Per sgombrare le voci preoccupanti non c'è niente di meglio che monitorare il Papa di persona mentre parla e saluta i fedeli. 

Papa Francesco: «Non vado in pensione, ma le dimissioni sono già firmate. La morte? Non mi fa paura, mi terrorizza il dolore»

In ogni caso il programma generale relativo alle prossime settimane resta integro: tra otto giorni partirà per tre giorni assai intensi e importanti per gli Emirati Arabi dove lo attende l'apertura della conferenza internazionale sul clima. Alla Cop28 è prevista a latere una articolata attività diplomatica con diversi bilaterali con capi di stato dietro le quinte, per uno scambio sulla situazione in Medio Oriente. Inoltre tutto il programma natalizio (con celebrazioni lunghe e impegnative) resta inalterato. 

Papa Francesco come sta? Niente segreti sulla salute: la strategia per escludere le dimissioni. La nuova linea per frenare il gossip

Certamente l'andamento della guerra israelo palestinese che dura da cinquanta giorni, associata al conflitto ucraino restano per Papa Bergoglio due spine nel fianco, considerando i suoi sforzi  per cercare di ritagliarsi uno spazio internazionale come mediatore sebbene abbia finora dato risultati assai modesti. Proprio la settimana che si sta chiudendo ha rappresentato per l'anziano Pontefice un passaggio piuttosto critico e deludente visto che ha messo a dura prova i rapporti storici con il mondo ebraico. I rabbini italiani in una inedita nota congiunta lo hanno criticato per avere di fatto equiparato il pogrom antisemita di Hamas del 7 ottobre alla guerra a Gaza, scattata solo dopo l'attacco dei terroristi e la caccia all'ebreo. Certamente non deve essere stato facile per Francesco aver ricevuto critiche pubbliche di questa portata e forse anche questo dispiacere, che si va a sommare ad altri diversi problemi interni, potrebbe avergli causato un abbassamento delle difese immunitarie con il conseguente stato febbrile odierno. 

Papa Francesco, l'ultimo ricovero il 29 marzo dopo un malore. Le altre patologie: la stenosi e il dolore al ginocchio

Leggi l'articolo completo su
Il Mattino