Avellino. Chiude Telenostra, la storica tv da 40 anni in onda

Chiude Telenostra, i giornalisti a Napoli e Caserta. Lascia il gruppo Lunaset, invece, il

direttore della sede di Avellino Pierluigi Melillo. Telenostra chiude.



La scelta è dell’editore Piccirillo, a capo del gruppo Lunaset di cui la televisione irpina fa parte, che ha deciso di chiudere la sede di Avellino del gruppo televisivo regionale. Si tratta di una decisione legata a scelte editoriali e commerciali, ma per la provincia di Avellino il colpo è pesante. Difficilmente si potrà dire che il panorama editoriale irpino, senza Telenostra, sarà uguale a prima. La televisione è stata dagli anni Ottanta un caposaldo per l’informazione della provincia. Telenostra nacque per iniziativa di Pasquale Grasso che aveva cominciato oltre quaranta anni fa con Teleavellino in piena epoca tv libere.





«La chiusura di un'emittente con trenta anni di storia, tra le prime a dare voce al territorio irpino, fondata da Pasquale Grasso, giornalista che ha allevato schiere di giovan giornalisti, lascia un vuoto preoccupante», è  quanto si afferma in un comunicato dell'Ordine dei giornalisti della Campania, del Sindacato unitario

giornalisti della Campania e dei consiglieri nazionali campani della Fnsi i quali «censurano ed esprimono

grande preoccupazione per la decisione dell'editore che priva la provincia di un importante riferimento per l'informazione e la libertà».
Mercoledì 16 Settembre 2015, 19:29 - Ultimo aggiornamento: 17 Settembre, 08:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP