Napoli, crollo in Galleria | Salvatore è gravissimo, amici e parenti continuano a pregare |

ARTICOLI CORRELATI
di Leandro Del Gaudio - Fernando Bocchetti

Segui Il Mattino su Facebook, clicca qui





Le condizioni di salute di Salvatore Giordano si sono drammaticamente aggravate oggi. L'attività cerebrale del 14 enne, colpito da un cornicione staccatosi dalla galleria Umberto e ricoverato da due giorni al Loreto Mare, è pressocché assente.



La direzione sanitaria fa sapere che «la famiglia del ragazzo ha chiesto il massimo riserbo sulle sue condizioni» e che Salvatore «resta nel reparto di rianimazioni con una prognosi riservata». «È un paziente critico - dice il direttore sanirario del Loreto Mare, Mariella Corvino - in condizioni gravi».



Da quanto appreso da fonti vicine alla famiglia del ragazzo, i medici potrebbero fare domattina ulteriori accertamenti.




Oggi pomeriggio, intorno alle 16.45, gli amichetti di Salvatore sono stati autorizzati ad entrare nel filtro della rianimazione a due alla volta per un saluto. Contemporaneamente il vescovo di Pompei, Tommaso Caputo, ha mandato alcune "immaginette" sacre per le preghiere dei familiari.



L'ulteriore peggioramento è avvenuto stamani; ieri i valori sembravano essersi stabilizzati. Accanto al ragazzo, residente a Marano, i familiari e il gruppo di amici con cui aveva trascorso alcune ore di quel maledetto sabato pomeriggio.



Secondo quanto comunica il sindaco di Marano, il direttore sanitario dell'ospedale Loreto Mare ha convocato i genitori per metterli al corrente della situazione.



Nel frattempo si lavora per individuare responsabili e per accertare le cause del cedimento. Quello di sabato pomeriggio è stato un evento imprevedibile? O c’erano segnali di allarme non ascoltati? Non a caso, l’inchiesta della Procura di Napoli punta anche a verificare l’esistenza di ordinanze o di indicazioni amministrative legate alla condizione dei cornicioni della Galleria, anche alla luce di alcuni episodi accaduti di recente. Le segnalazioni di crolli sono state numerose nel corso delle ultime settimane, tanto da rendere necessario il transennamento di una parte di via Verdi e di un’ala esterna alla Galleria, di fronte al teatro San Carlo. I pm hanno aperto un fascicolo per omissioni e lesioni. E oggi saranno acquisiti tutti gli atti riguardanti la struttura monumentale presso il Comune.







>CONTINUA A LEGGERE SUL MATTINO DIGITAL



Lunedì 7 Luglio 2014, 08:15 - Ultimo aggiornamento: 8 Luglio, 08:36




QUICKMAP