Morto Pino Daniele, i funerali mercoledì mattina a Roma. È polemica tra i familiari

ARTICOLI CORRELATI




I funerali del cantautore napoletano Pino Daniele si svolgeranno mercoledì mattina alle 12 al Santuario del Divino Amore a Roma. Lo riferisce padre Renzo, sacerdote amico di famiglia che officerà la messa, lasciando l'obitorio dell'ospedale Sant'Eugenio di Roma. La camera ardente, allestita nell'ospedale Sant'Eugenio di Roma, sarà aperta al pubblico domani mattina dalle 8.30 alle 12.30.



La decisione di celebrare i funerali a Roma ha lasciato delusi molti napoletani che speravano di poter salutare il loro Pino un'ultima volta. Un certo malumore serpeggia sui social, e su Facebook è stata anche creata una pagina "Vogliamo i funerali di Pino Daniele a Napoli".



La figlia- «Abbiamo scelto Roma perchè noi figli siamo nati e viviamo qui. I funerali di mio padre saranno celebrati mercoledì al Divino Amore perchè è una chiesa grande e noi vogliamo che sia una cerimonia aperta al pubblico». A parlare è Sara, figlia di Pino Daniele, fuori dall'obitorio dell'ospedale S.Eugenio, dove il cantautore napoletano è deceduto. «Siamo sicuri che papà vorrebbe che chiunque avesse la possibilità di dargli l'ultimo saluto» ha concluso la ragazza.



La sepoltura. Pino Daniele dovrebbe essere sepolto nel cimitero di Talamone, nel comune di Orbetello (Grosseto). A darne notizia è il sindaco di Orbetello, Monica Paffetti che spiega: «Abbiamo ricevuto la richiesta da parte della famiglia di Pino Daniele per dare il via libera alla sepoltura nel cimitero di Talamone. E da parte nostra c'è stato subito l'assenso». Pino Daniele era residente nel comune di Orbetello e viveva in una villa nelle campagne tra Orbetello e Magliano, in Maremma.




Il fratello: vogliamo funerali a Napoli. «Noi fratelli vorremmo che i funerali fossero a Napoli: Pino è un pezzo di quella città». Così Carmine Daniele, uno dei cinque fratelli di Pino Daniele. I funerali a Roma li ha annunciati la figlia del cantautore Sara «perchè noi figli abitiamo a Roma», ha detto.



Nello Daniele. «Era tutto pronto a Napoli per i funerali di Pino ma non decidiamo noi fratelli. Rispettiamo la volontà dei figli e di Pino, che non amava le passerelle». A dirlo è Nello, uno dei fratelli di Pino Daniele, lasciando la camera ardente nell'obitorio del S.Eugenio. «Per una questione di ordine pubblico e organizzativo non sarebbe stato facile organizzare tutto in due giorni a Napoli - prosegue - Pino a Napoli era come il papa a Roma. Si sarebbe bloccata una città. A mio fratello non piaceva essere osannato. I tributi li voleva da vivo e non da morto». Riguardo alla sepoltura, il fratello del cantautore ha sottolineato: «Non è ancora ufficiale. Sappiamo che la volontà di Pino era di essere sepolto in Toscana».






Lunedì 5 Gennaio 2015, 12:57 - Ultimo aggiornamento: 05-01-2015 21:36



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 36 commenti presenti
2015-01-06 10:07:00
La pena é di chi muore... Ma siete tutti impazziti? Uno potrà essere seppellito dove gli pare e piace? Nessuno muore mai veramente se rimane nel cuore di chi lo ama. Pino ha reso Napoli internazionale suonando con musicisti di fama mondiale, la sua stessa musica era fatta di contaminazioni che andavano dall'Africa al Sudamerica e voi state qui ad azzuffarvi per farlo seppellire tra Poggioreale e Capodichino? Silenzio, per favore, e rispettate l'uomo e il dolore della famiglia.
2015-01-06 09:19:00
tatinoski Invece a me il suo commento fa veramente ridere: si deve PER FORZA amare Napoli!!! e chi lo dice?? le ricordo che nessuno sceglie dove nascere e ilf atto che solo epr caso nasciamo in una città invece che in un'altra, non ci IMPONE il dovere di amare necessariamente quella città. Con questo non sto dicendo che Pino Daniele non amasse Napoli, che è estramamente falso e lo si nota in ogni canzone che ha scritto, ma mi fa veramente arrabbiare questa presunzione di noi napoletani che pensiamo sempre che Napoli sia l'unica città al mondo; che sia la + bella del mondo; che solo chi è nato a Napoli può essere qualcuno, etc...Un pensiero molto megalomane.
2015-01-05 20:23:00
seppelliremo venditti a napoli? E' vero questo non è il momento delle polemiche, la mia infatti è solo una riflessione. Se i figli sono romani è giusto che la sepoltura avvenga dove ritengono più opportuno, ma i funerali no. Pino era figlio di questa città e ne rappresentava da decenni il simbolo assoluto. Alcune sue canzoni sono già classici che resteranno nella storia della musica. I suoi funerali si dovevano celebrare a Napoli, era la naturale conclusione di una storia d'amore tra una città e il suo cantore. CIAO PINO
2015-01-05 20:15:00
non ci dimentichiamo la fine che hanno fatto le tombe di totò , caruso ed altri al cimitero di poggioreale
2015-01-05 19:40:00
funerali vedendo le condizioni della tomba di Toto' forse fanno bene a scappare da Napoli

QUICKMAP