Napoli, condannati Paolo e Fabio Cannavaro: sigilli violati nella villa con piscina

di Viviana Lanza

L’accusa è di aver violato i sigilli nella villa a Posillipo finita al centro di un’inchiesta per presunti abusi edilizi, abusi per i quali l’indagine è stata poi archiviata. Il processo è andato avanti e si è concluso ieri con una sentenza di condanna solo per la violazione dei sigilli apposti alla piscina di casa Cannavaro, quella che si trova in giardino e che durante un controllo dei carabinieri fu trovata riempita con acqua limpida e pulita. Come se fosse stata utilizzata, fu il sospetto dell’accusa che ha chiesto e ottenuto la condanna a dieci mesi dell’ex capitano della Nazionale e del Napoli Fabio Cannavaro, in quanto proprietario della villa, a sei mesi del fratello Paolo....



CONTINUA A LEGGERE SUL MATTINO DIGITAL
Mercoledì 25 Febbraio 2015, 09:21 - Ultimo aggiornamento: 25-02-2015 09:26




QUICKMAP