Fuorigrotta. Prostituta uccisa per aver difeso l'amica: fermati tre diciannovenni

ARTICOLI CORRELATI
di Giuseppe Crimaldi

Ha la firma di tre ragazzi di 19 anni di Fuorigrotta (Raffaele Velluso, Gennaro Bitonto e Antonio Di Perna) l’omicidio della giovane prostituta nigeriana, Antonia Osaf, 23 anni, uccisa ieri mattina con una coltellata che le ha spezzato il cuore in via Terracina a Napoli.



La ragazza è stata uccisa per aver tentato di difendere un’altra ragazza dai tre che le volevano portare via l’incasso della notte. I tre si sono costituiti ieri pomeriggio, due alla polizia e uno ai carabinieri.



Uno di loro ha cominciato subito a collaborare raccontando tutto della notte brava che ha avuto come epilogo l’omicidio della prostituta: dinamica e protagonisti, indicando “chi faceva cosa” negli attimi che si sono susseguiti fino all'assassinio della ragazza. Ora su di loro pesa un'accusa gravissima: rapina aggravata e concorso in omicidio.






Due dei tre erano stati individuati dalla Polizia, il terzo dai carabinieri al termine di una attività investigativa congiunta della Squadra Mobile, del commissariato San Paolo e del nucleo investigativo del Comando provinciale dei carabinieri.











CONTINUA A LEGGERE SUL MATTINO DIGITAL
Sabato 9 Maggio 2015, 09:10 - Ultimo aggiornamento: 10 Maggio, 20:18




QUICKMAP