Il sogno di Giusy: da Napoli ai mondiali di rugby. E' la mascotte dell'Italia

ARTICOLI CORRELATI
di Paolo Barbuto

Se oggi pomeriggio sarete davanti alla tv per guardare il mondiale di rugby, fate attenzione all’ingresso in campo delle squadre: in mezzo ai giganti dell’Italia e dell’Irlanda che andranno a sfidarsi sul campo, noterete uno scricciolo biondo con i capelli lunghi e le gambe che le tremano per l’emozione. È Giusy Ambrosio, 12 anni, mascotte ufficiale della nazionale italiana, napoletana verace, figlia del quartiere Mercato, iscritta alla seconda media alla Sogliano, Porta Capuana.



Ieri Giusy è arrivata a Londra per vivere un sogno, quel sogno è iniziato esattamente un anno fa tra i banchi della sua scuola. Lei non aveva mai visto una palla ovale ma quando in classe sono arrivati quelli della Partenope e hanno spiegato che ci si divertiva e s’imparava molto, Giusy è tornata a casa e ha convinto mamma Fortuna, casalinga, e papà Mario, operaio orgoglioso della sua famiglia: «Non m’importa se è uno sport da maschi, io voglio farlo». Lei è brava a ottenere ciò che vuole, unica figlia femmina tra il maggiore Giosuè che ha diciotto anni e il piccolo Gabriele che ne ha sette, con il suo sorriso dolce raggiunge ogni obiettivo.









A scuola si è messa nelle mani di Maria Marciano, la prof di ginnastica che coinvolge i piccoli della prima media e li avvia verso il rugby. Sul campo, all’Albricci, ha incontrato Antonio Foglia che dovrebbe essere solo un allenatore ma per i ragazzi è di più: fratello, papà, amico, confidente, punto di riferimento. Anche lei come tanti altri ragazzini ha deciso, dopo un solo minuto, che quello sport non era un semplice sport ma una «disciplina» che ti fa divertire e ti insegna ad affrontare la vita e ad avere rispetto per gli altri: proprio quel che si prefigge di insegnare la Partenope ai ragazzini che si avvicinano al rugby.



Il resto è storia di passione e divertimento: subito dopo le lezioni alla Sogliano, quattro passi a piedi fino all’Albricci per gli allenamenti e, infine, per le partite. A questa età le squadre sono miste e se provate a chiedere ai suoi avversari maschi vi risponderanno che i placcaggi in tuffo di Giusy fanno davvero male.



Nel frattempo in Italia si cercava una mascotte che accompagnasse la squadra in campo. I sopralluoghi nel Nordest ricco di passione per il rugby non avevano portato nulla di buono, così è stato organizzato un torneo a Roma con tante squadre del Centro e del Sud, compresa la Partenope, senza far sapere ai ragazzi che si cercava qualcuno da portare in Inghilterra per i mondiali. Appena Giusy è scesa in campo, Mirco Bergamasco, selezionatore della mascotte per la Land Rover, non ha avuto dubbi: grinta, tecnica, nessuna paura, lei era la mascotte ideale.



Così alla fine del torneo hanno chiamato Giusy sul palco e le hanno detto a bruciapelo: «Sei la mascotte della nazionale italiana ai mondiali. Volerai a Londra». La piccola s’è emozionata, poi s’è fatta forza e ha gridato a squarciagola «Forza Italia».

Perciò, se oggi pomeriggio guardate la tv, fate attenzione a quello scricciolo che scende in campo mano nella mano ai giganti del rugby. Lei non lo sa, ma è un simbolo: lo sport non è solo divertimento, serve a tenere i giovani lontani dalla strada e dai pericoli, consente di crescere con ideali sani e, qualche volta, permette di realizzare i sogni.
Sabato 3 Ottobre 2015, 19:31 - Ultimo aggiornamento: 4 Ottobre, 10:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP