Giugliano, 20 uccelli morti sulla foce del Lago Patria. La Lipu: è avvelenamento da inquinamento marino

Martedì 5 Maggio 2015 di Mariano Fellico
GIUGLIANO. Un vero e proprio giallo sulla foce del Lago Patria dopo la scoperta di ben venti esemplari di Berte Minori morte. Gli uccelli, infatti, una specie marina che nidifica sulle coste, tipicamente su isolotti rocciosi, che le vicine Ischia e Procida. Sull’arenile giuglianese, invece, venti volatili hanno trovato la morte.



Da chiarire le cause del decesso e sulla questione si sono allertati immediatamente i rappresentati della Lipu di Lago Patria guidati da Stefano Franciosi. Ieri mattina, infatti, i volontari hanno effettuato dei rilievi. “Abbiamo allertato la Guardia Costiera di Castelvolturno e attendiamo il responso dei veterinari dell’Asl che sta sottoponendo gli uccelli all’esame necroscopico - ha spiegato Franciosi -. Quasi certamente – ha concluso – potrebbe trattarsi di avvelenamento scaturito dall’inquinamento”.



Le Berte Minori si nutrono esclusivamente di pesci che cacciano durante le ore diurne in mare aperto e di solito volano basse per individuare grandi banchi e quindi si tuffano inseguendo la preda anche per alcuni metri sott'acqua, oppure galleggiano in attesa che la preda passi nelle vicinanze. E proprio nell’area antistante la foce del lago che ci sono branchi di pesci che forse erano avvelenati da chissà qualche prodotto chimico. Ultimo aggiornamento: 22:09