Andar per monasteri, in libreria una guida per conoscere i luoghi sacri di Napoli

Giovedì 4 Dicembre 2014

Napoli è la città che, dopo Roma, presenta la più alta concentrazione di monasteri. A tal punto che per secoli i naviganti individuavano la città e gli approdi in base alle guglie, i campanili e cupole che si intravedevano già da lontano.

“Andar per monasteri” di Candida Carrino (edizioni Intra Moenia, 2014) è una vera e propria guida per visitare i più noti e monumentali edifici religiosi napoletani, ma anche i chiostri e i giardini nascosti nelle più improbabili destinazioni d’uso: all’interno di una caserma, di una facoltà universitaria, di un ospedale, di un condominio privato.

Il volume è corredato dalla fotografie di Sergio Siano, fotoreporter de Il Mattino. Una selezione di questi scatti sarà esposta per tutto il periodo natalizio in una mostra presso il caffè letterario Intra Moenia (piazza Bellini, 70 a Napoli)

Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre, 11:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA