Film a Napoli. Pozzetto e Vanoni, «alieni» a Montesanto | Video

di Diego Del Pozzo

Un prof milanese, che insegna da anni in un liceo di Napoli, va in crisi esistenziale quando la moglie lo lascia e scappa con un altro uomo. In seguito allo shock, il docente inizia ad avere strane visioni riguardanti, in particolare, un’affascinante fotomodella che gli fa perdere la testa. Tanto impegnato a correre dietro alle sue fantasie, però, l’uomo rischia di non accorgersi della bella e gentile vicina di casa, innamorata di lui già da molto tempo. Questa è la trama, finora ancora misteriosa, di «Ma che bella sorpresa», quarta commedia del regista e sceneggiatore milanese Alessandro Genovesi («La peggior settimana della mia vita», «Il peggior Natale della mia vita» e «Soap opera», in uscita a ottobre), prodotta da Colorado Film e distribuita nei cinema da Medusa a partire da febbraio 2015.



GUARDA IL VIDEO





Interpretato da Claudio Bisio (il professore), Frank Matano (un suo esuberante collega), Valentina Lodovini (la vicina di casa), la top model Chiara Baschetti (la visione) e Ornella Vanoni e Renato Pozzetto (i genitori del prof), il film è in corso di lavorazione a Napoli, con riprese iniziate l’1 settembre tra centro antico e lungomare. I ciak all’ombra del Vesuvio andranno avanti fino a domenica 21, per un totale di tre settimane a ritmo serrato, poiché nell’idea di Genovesi gli scenari partenopei scelti dalla produzione assieme ai tecnici della Film Commission Regione Campania daranno a Napoli il ruolo di coprotagonista, con i suoi suoni, odori, sapori e magari un pizzico di folklore e qualche cliché.



Ieri pomeriggio, per esempio, Pozzetto e la Vanoni sono stati protagonisti di una serie di riprese a piazza Montesanto, davanti alla stazione della Cumana e della Circumflegrea, che nella finzione è la stazione centrale partenopea nella quale arrivano in treno dalla Lombardia i due milanesissimi genitori del professore in crisi, per aiutarlo nel momento del bisogno. L’impatto col ventre verace della città, però, non è dei migliori, con inevitabili effetti comici, poiché all’esterno li aspetta, a bordo della sua cadente Fiat 126 bianca, il vulcanico e un po’ tamarro personaggio di Matano e, soprattutto, perché appena scesi dalla scala mobile i due si trovano di fronte a un quadretto napoletano all’ennesima potenza, tra bancarelle di frutta e di pesce, venditori ambulanti urlanti, folla brulicante e persino un uomo che li accoglie brandendo minaccioso un grosso polipo gocciolante.



Genovesi e la sua macchina da presa inquadrano frontalmente l’ingresso della stazione, con la Vanoni e Pozzetto immobili e perfetti nel loro essere alieni rispetto al contesto circostante. Alle loro spalle una decina di comparse con bagagli scendono e salgono lungo le scale che portano ai binari, mentre tutt’intorno centinaia di curiosi s’affollano scattando foto e girando video con gli smartphone, tenuti a bada dagli uomini della produzione, da polizia e vigili urbani e dai tecnici della Cumana e della Circumflegrea, molto bravi nel far proseguire le regolari attività ferroviarie senza intralciare il set. A coordinare il tutto, a pochi passi dal regista, c’è il direttore generale della Film Commission campana, Maurizio Gemma.



Il lavoro prosegue a buon ritmo, tra una battuta di Matano e le indicazioni del regista per Pozzetto e la Vanoni. A metà pomeriggio le riprese vengono fermate per una mezz’ora per permettere agli oltre 200 giovani provenienti dal Rione Traiano con la Cumana e la Circumflegrea di uscire dalla stazione e recarsi alla vicina caserma Pastrengo per l’incontro con i vertici provinciali dei Carabinieri sulla morte di Davide Bifolco. Poi la lavorazione può riprendere fin quasi al tramonto, tra campi, controcampi e qualche totale sulle strade affollate di Montesanto.
Mercoledì 10 Settembre 2014, 19:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP