Pensioni, ecco la novità: uscita a 62 anni con penalità

di ​Giusy Franzese

Segui Il Mattino su Facebook, clicca qui






Roma. Piace l'intenzione del governo di introdurre nuove regole per consentire la flessibilità dei tempi di pensionamento. Cgil, Cisl, Uil, Federmanager, esponenti politici: sono tutti positivi i commenti seguiti all'annuncio, fatto dal ministro del Welfare Giuliano Poletti, di voler affrontare l'argomento a ottobre con la legge di Stabilità. L'idea è quella di fornire un ventaglio di possibilità al lavoratore che intende lasciare il lavoro per andare in pensione prima dei tempi canonici fissati dall'ultima riforma del settore, quella targata Monti-Fornero. Poletti ha parlato di «strumenti differenziati adatti e coerenti con le diverse situazioni».



In questo momento sono tre le opzioni sul tavolo del ministro: la possibilità di anticipare la pensione fino a 62 anni di età con penalità; quota 100; un ”ponte“ per chi ha perso il lavoro a pochi anni dal raggiungimento dei requisiti richiesti per l'accesso all'assegno pensionistico. Tutte e tre, come detto, potrebbero entrare nel menù della legge di Stabilità. Ovviamente l'aspirante pensionato ne potrà scegliere solo una, in base alle sue convenienze e alla situazione personale. Non è ancora escluso che a queste tre opzioni se ne possa affiancare anche un'altra: quella della cosiddetta ”staffetta generazionale“, con il lavoratore over 60 che, per consentire all'azienda di assumere un giovane, dimezza l'impegno lavorativo con un part-time e intanto inizia a percepire metà pensione.



Il disegno di legge messo a punto già nella scorsa legislatura prevede, con 35 anni di contributi, la possibilità di anticipare l'età del pensionamento fino a 62 anni, con un sistema di penalizzazioni (dal 2 all'8% a seconda di quanti anni mancano ai 66). Nessuna penalizzazione per chi ha maturato 41 anni di contributi indipendentemente dall'età anagrafica. «È un meccanismo che garantirebbe enormi benefici di equità sociale e anche per i giovani, perché immobilizzare i lavoratori fino a 67 anni significa chiudere le porte del mercato del lavoro ai nostri figli e ai nostri nipoti» spiega Cesare Damiano, firmatario del ddl e presidente della commissione Lavoro della Camera. Il problema di questa proposta è il costo molto alto, nonostante la penalizzazione resti ”a vita“. Si sta quindi lavorando a ipotesi con penalizzazioni più alte, in un range compreso tra il 3 e il 10%. «La flessibilità in uscita dal lavoro è una misura urgente e necessaria. Trovare punti di mediazione è possibile» commenta il sottosegretario all'Economia, Pier Paolo Baretta (altro firmatario della proposta).



Il sistema delle quote (mix contributi-età anagrafica) abolito dalla riforma Fornero torna tra le opzioni. Ma con un tetto più alto: quota 100 (prima delle Fornero nel 2013 ci si sarebbe dovuti assestare a quota 97). In pratica chi ad esempio ha 40 anni di contributi e 60 di età può andare in pensione senza penalizzazioni.



Questa opzione varrebbe per chi, a pochi anni dalla pensione, si ritrova disoccupato e senza ammortizzatori sociali (gli esodati ad esempio): in questi casi si potrebbe chiedere un anticipo dell'assegno pensionistico fino ad un certo limite (equiparato all'Aspi) da restituire successivamente a rate. Accanto all'ipotesi ”ponte“, per ora resta in piedi anche quella del ”prestito“ che possono chiedere tutti i futuri pensionandi dai 62 anni in sù.

Leggi Il Mattino per tre mesi a soli 9.99€ - Clicca qui per la PROMO


Sabato 2 Agosto 2014, 08:30 - Ultimo aggiornamento: 02-08-2014 20:17




QUICKMAP