L'allarme degli avvocati matrimonialisti: «Più infedeli con whatsapp e social network»

Segui Il Mattino Tech su Facebook, clicca qui!









«L'infedeltà nella coppia è sempre più tecnologicamente assistita»: lo afferma l'avvocato Gian Ettore Gassani, presidente dell'Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani, secondo cui «nel mondo occidentale e soprattutto in Italia i social network stanno contribuendo a sfasciare molte famiglie, perchè rappresentano un sistema veloce ed immediato per intrattenere rapporti interpersonali, allacciare nuove amicizie e tradire il partner».



«Ovviamente - prosegue Gassani - non è lo strumento in sé a fare del male, ma è indubbio che amplifichi a dismisura le voglie e le possibilità del fedifrago seriale e di quello occasionale. Secondo un'indagine del Centro Studi dell'AMI, basato sull'incrocio dei dati provenienti da molti studi legali, WhatsApp ha superato Facebook in termini di pericolosità».



«Tanto è vero che nel 40% dei casi le infedeltà si scoprono ormai con WhatsApp, che è un modo, ancora più rapido di Facebook e di Twitter, per mandare messaggi ed immagini in tempo reale e a costo zero. Pertanto WhatsApp non solo porta all'appuntamento con l'amante ma anche a quello davanti al giudice».



«Controversa - conclude l'avvocato - è l'utilizzabilità dei messaggi su WhatApp, che di solito il tradito fotografa e allega come prova dell'adulterio. Sul punto la Giurisprudenza non è univoca e costante, seppure molti Tribunali ammettano messaggini, cuoricini e faccine come dimostrazione del tradimento. Perciò attenzione, un cuoricino o uno smile di troppo possono costare risarcimenti, appartamenti e anni di causa».



Mercoledì 10 Settembre 2014, 15:37 - Ultimo aggiornamento: 11 Settembre, 10:23




QUICKMAP