Teramo, padre di due figli si schianta in moto, non sembra grave. Invece muore tre ore dopo

Martedì 25 Maggio 2021 di Marcello Ianni
Padre di due figli si schianta in moto, non sembra grave. Invece muore tre ore dopo

Aprendo la sua pagina Facebook, la prima cosa che colpisce la passione per le due ruote, che lo ha portato ad acquistare una Ducati del valore di 40 mila euro circa. E proprio questa passione viscerale lo ha portato però improvvisamente alla morte. E’ accaduto domenica intorno alle 13, quando Walter D’Ostilio di 57 anni di Villa Vomano (Teramo) ha avuto un incidente che nell’immediatezza dei fatti, non era sembrato grave. E invece dopo circa tre ore dall’arrivo all’ospedale San Salvatore dell’Aquila, il suo cuore ha smesso di battere a causa dei gravi traumi riportati nella caduta nella quale la moto, una Panigale V4, conosciuta dagli appassionati per la sua particolare tecnologia e sicurezza nella guida, si è distrutta.

Incidente funivia Mottarone, il drammatico post della figlia di Vittorio Zorloni: «Faremo pace da lassù, in questa vita non riuscivamo a parlarci»

L’uomo, di professione operaio, aveva scelto con una comitiva di amici di visitare i luoghi suggestivi del Gran Sasso, versante aquilano, zona Fonte Vetica. L’incidente si è verificato nel bivio della Strada regionale 17 Bis per Campo Imperatore, che da una parte conduce alla località di Racollo, dall’altra ai ruderi di Sant’Egidio. Qui stando al racconto degli stessi amici che percorrevano con lui lo stesso tratto a poca distanza, hanno visto il 57enne non affrontare una curva, ma andare dritto, senza accennare ad una frenata. Il centauro infine disarcionato dalla moto è finito in un prato con numerose rocce.

 

Sono stati gli stessi amici a far scattare i soccorsi. Sul posto personale medico del 118 in eliambulanza che dopo le prime cure del caso (il ferito era cosciente e lamentava solo un dolore ad un ginocchio) lo hanno trasferito al Pronto soccorso del nosocomio aquilano dove però è morto dopo circa tre ore, a causa del peggioramento del quadro clinico. Sul posto dopo poco sono arrivati i carabinieri della stazione di Calascio (diretti dal luogotenente Giovanni Casilli) e quelli di Castel del Monte, agli ordini del maresciallo Massimo Gentile per i rilievi del caso. Per fare chiarezza sul sinistro mortale, il pm Stefano Gallo ha disposto il sequestro della moto di Walter D’Ostilio e la nomina del consulente per lo svolgimento dell’autopsia per verificare se il centauro possa essere stato colto da improvviso malore. L’uomo sposato, lascia due figli giovani.

Ultimo aggiornamento: 08:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA