L'anziano è effeminato, aggressione omofoba con calci e pugni: denunciati padre e figlio

L'anziano è effeminato, aggressione omofoba con calci e pugni: denunciati padre e figlio
di Sonia Paglia

Aggressione e offese omofobe a Pescasseroli (L'Aquila). Padre 60enne e figlio 20enne avrebbero insultato e picchiato un 76enne del posto, finito poi in ospedale con prognosi di 15 giorni, perchè effeminato. A informare sull’accaduto, il nipote della vittima, in un post su Facebook. Sull’episodio indagano i carabinieri della Compagnia di Castel di Sangro, agli ordini del capitano, Fabio Castagna.

E’ successo in pieno centro abitato. In base a una prima ricostruzione dei fatti, che però necessita di ulteriori approfondimenti investigativi, il 76enne sarebbe stato oggetto di ripetuti insulti, durati mesi, a causa della sua movenza e del suo timbro di voce, tipicamente femminile. Nel momento della reazione della vittima, che si sarebbe difesa verbalmente con una imprecazione, padre e figlio l’ avrebbero aggredita con calci e pugni, facendola cadere a terra. Nella concitazione, anche il fratello di 78 anni, intervenuto in suo soccorso, sarebbe stato raggiunto da alcuni ceffoni. La vicenda, in paese ha sollevato diversi malumori.

Il 76enne, molto provato a livello psicologico per l’evento traumatico, è stato condotto nell’ospedale di Castel di Sangro dove è stato medicato e sottoposto a controlli specialistici. L’episodio di violenza è ora al vaglio degli inquirenti, i quali, riferiranno all’Autorità Giudiziaria, per l’eventuale configurazione di altri reati, oltre alle lesioni dolose.
Domenica 11 Agosto 2019, 10:06 - Ultimo aggiornamento: 11-08-2019 17:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP