Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

"Bullismo e cyberbullismo": alunni, docenti e genitori con l'esperto

Venerdì 12 Marzo 2021 di Sabrina Giangrande
alunni del Comenio

L'AQUILA L’Istituto comprensivo “Comenio” di Scoppito (L'Aquila), il 10 marzo scorso, sulla piattaforma digitale della scuola, ha ospitato un interessante spazio informativo sul bullismo e cyberbullismo e sulla sicurezza in rete. Tema assai ricorrente negli ultimi tempi soprattutto in questo particolare periodo storico legato anche all’emergenza Covid-19.

L’obiettivo dell’incontro, ne sono previsti altri con un taglio operativo, era quello di offrire delle coordinate a genitori e docenti che devono confrontarsi, sui banchi di scuola e a casa, con problemi di non facile soluzione e devono soprattutto condividere con ragazzi, spesso molto giovani, un approccio culturale positivo e corretto con le tecnologie, oggi sempre più indispensabili per la didattica e per il vivere quotidiano.

David Palmieri, sostituto commissario della Polizia dell’Aquila, è stato il relatore dell’incontro, che, per circa due ore ha intrattenuto una platea di docenti, genitori e alunni, affrontando con un linguaggio semplice e diretto tematiche complesse, difficili sia sul piano umano che psicologico, scivolose e di non facile interpretazione. «Sono emerse alcune interessanti riflessioni- dice il dirigente dell’istituto, Gilberto Marimpietri- sul rapporto tra media e giovani, sulla difesa della privacy in internet, sulla pedopornografia, sui giochi online e sui reati informatici in generale.

Numerosi sono i fattori di rischio nei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo tra i giovani, attori, vittime o spettatori che se non arginati con iniziative di supporto molto spesso assumono dei finali tragici».

Sabrina Giangrande

© RIPRODUZIONE RISERVATA