CORONAVIRUS

Coronavirus, il Centro Abruzzo supera i duecento casi: contagiato anche un medico

Lunedì 28 Settembre 2020 di Patrizio Iavarone
Coronavirus, il Centro Abruzzo supera i duecento casi: contagiato anche un medico
Si chiudono da una parte bene, ovvero con esito negativo, i tracciamenti di alcuni focolai di coronavirus aperti (ultimi quelli legati ai sette carabinieri risultati positivi), si aprono dall’altra altri fronti: tre in particolare che si sono aggiunti nelle ultime ore all’elenco dei casi accertati, facendo salire in Centro Abruzzo il numero dei positivi in questa seconda ondata a 201. Nel fine settimana si sono registrati infatti altri tre contagi e tutti a sé stanti e non collegati a focolai esistenti: un giovane di Sulmona di ritorno da Praga, un operaio di Corfinio e un medico in pensione di Vittorito.

Per quanto riguarda il contagio d’importazione da Praga la situazione dovrebbe essere abbastanza sotto controllo: il ragazzo, infatti, appena rientrato dalla vacanza ha accusato sintomi influenzali e per questo si è posto in auto isolamento fino all’esito del tampone che è poi risultato positivo. I suoi contatti, insomma, sono stati limitati e facilmente tacciabili. Diversa invece è la situazione per l’operaio quarantenne di Corfinio che lavora in una fabbrica del posto: la sua positività, accertata anche qui dopo l’insorgenza di lievi sintomi, non è chiaro a quale tipo di contatto sia legata e sarà ora necessario approfondire gli esami e il tracciamento all’interno della fabbrica e ai relativi contatti. Un fronte, quindi, potenzialmente esteso.

Minori sono stati invece i contatti del medico in pensione di Vittorito risultato positivo, anche lui arrivato al tampone dopo l’insorgere di lievi sintomi influenzali. Attesa c’è poi per il risultato dei tamponi agli altri autisti del trasporto pubblico locale di Sulmona, dove un autista è risultato positivo al Covid giovedì scorso, seppur asintomatico. I responsi dovrebbero arrivare entro la giornata di oggi e da questi dipenderà anche la riattivazione del servizio del trasporto urbano, al momento in gran parte sospeso. Le corse rimaste attive sono infatti solo quelle per gli studenti la mattina e quella della tratta ospedale-stazione, ma solo al 50%; mentre tutte le altre sono state soppresse. La mappa del contagio compresi i ventiquattro guariti e i turisti tornati nelle loro città d’origine (quasi tutti registrati in Alto Sangro), si attesta dunque su 201 casi così divisi: 99 a Sulmona, 34 a Bugnara, 26 a Pettorano sul Gizio, 9 a Pratola, 8 a Scanno, 5 a Introdacqua, 4 a Prezza e Roccacasale, 3 a Pescasseroli e Corfinio, 2 a Pacentro e Vittorito, 1 a Raiano e Scontrone. Oltre agli ultimi tre e a quello dell’autista, bisognerà tenere d’occhio anche quelli di Roccacasale.  © RIPRODUZIONE RISERVATA