Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coniugi disabili sfrattati a Teramo: la proprietaria di casa era stata costretta a trasferirsi dalla badante

Venerdì 24 Dicembre 2021 di Francesco Marcozzi
Vivono nella casa senza contratto, la proprietaria costretta a trasferirsi dalla badante: coniugi sfrattati

Il giudice sfratta i coniugi A.L e M.L. S. dall’abitazione di Giulianova, di proprietà di Luisa De F., 82 anni, che si muove con la carrozzina e che li aveva ospitati, benevolmente e senza contratto o meglio con una fattispecie di contratto di comodato, non avendo la coppia né una casa né un alloggio dal Comune nonostante ripetute richieste. I fatti si riferiscono al 2016, ma col tempo i rapporti tra gli ospiti e la proprietaria dell’abitazione si sono guastati e quest’ultima è stata costretta ad abbandonare la propria abitazione e da allora viene ospitata a casa della badante. AlloraLuisa De F.  si è rivolta all’avvocato Maria Assunta Chiodi per rientrare in possesso dell’abitazione, una casa a due piani lungo via Filippo Turati a Giulianova, in provincia di Teramo. I coniugi hanno fatto opposizione affidandosi all’avvocato Marcello Cartone ma il giudice Maria Luisa Pasca ha sentenziato che Luisa ha diritto a rientrare immediatamente nel suo appartamento per cui i due coniugi dovranno trovarsi al più presto un’altra abitazione, i due sono stati anche condannati al pagamento delle spese processuali. Ma non tutto ora sembra procedere sulla strada dettata dalla sentenza in quanto, nel frattempo A.L. ha avuto un peggioramento delle sue condizioni di salute e anche lui da qualche tempo deve muoversi con la carrozzina per cui la situazione sembra complicarsi di nuovo e vedremo se questa volta si muoveranno i servizi sociali.


 

Ultimo aggiornamento: 15:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA