Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

False assunzioni per ottenere disoccupazione e maternità: arrestato ragioniere, 94 indagati, coinvolto anche un avvocato

Martedì 2 Febbraio 2021 di Teodora Poeta
False assunzioni per ottenere disoccupazione e maternità: arrestato ragioniere, 94 indagati, coinvolto anche un avvocato

Novantaquattro persone sono finite indagate dalla guardia di finanza di Giulianova dopo una complessa attività investigativa che ha portato agli arresti domiciliari un ragioniere, residente in provincia di Teramo, nei confronti del quale è stato anche eseguito un sequestro preventivo di 90mila euro quale truffa ai danni dello Stato. In concorso con un avvocato, pure lui del Teramano, il professionista, depositario delle scritture contabili di diverse società coinvolte nell’inchiesta, sarebbe riuscito ad ottenere, indebitamente, il rinnovo del permesso di soggiorno di 80 cittadini extracomunitari originari della Tunisia, Marocco e Bangladesh. Tutto questo, secondo la ricostruzione degli inquirenti, attraverso falsi contratti di lavoro in tre aziende fittizie che hanno permesso, oltretutto, ad una parte di questi falsi dipendenti, si ottenere indebite erogazioni pubbliche a sostegno del reddito (aspi, naspi e maternità) per un importo totale di oltre 50mila euro. Ammonta, invece, a 340mila euro il giro di fatture per operazioni inesistenti.

Ultimo aggiornamento: 11:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA