Juan Carrito, il mistero dell'orso abruzzese: nevica e fa freddo, ma lui non va in letargo

Mercoledì 1 Dicembre 2021 di Sonia Paglia
Juan Carrito, il mistero dell'orso abruzzese: nevica e fa freddo, ma lui non va in letargo

Nel Parco nazionale d'Abruzzo in molti auspicano che l'orso, Juan Carrito, vada in letargo. Talvolta i maschi giovani, nel periodo invernale, rimangono attivi, se non in condizioni particolari di freddo rigido e neve. Tuttavia quest'anno l'inverno è stato precoce e dunque, JC, potrebbe pensare di andare in letargo. Le sue continue incursioni nel centro abitato di Roccaraso, hanno generato reazioni diverse tra le persone, quali paura, disagio, ammirazione e curiosità. E c'è anche chi, come Alessio Giancola, allenatore trail running dell' Asd Mountain Lab Accademia degli Sport di Montagna, ha deciso di dedicargli una lettera, che l'ente Pnalm, ha pubblicato sulla sua pagina social.

L'orso Juan devasta una pasticceria di Roccaraso e divora tutti i biscotti

«Tu non mi conosci, anche se frequentiamo gli stessi luoghi, le stesse strade del mio paese e gli stessi sentieri e monti che lo circondano, io invece ti conosco perché tra noi sei diventato una star - scrive l'allenatore Giancola -. Forse in silenzio mi hai anche visto passare e non mi hai voluto disturbare, proprio come avrei fatto io se mi fosse capitata la fortuna di incontrarti, mi piace pensarlo, perché sei un tipo discreto e non vuoi dare fastidio. Unica cosa che adesso tutti ti cercano, tutti ti fotografano e fanno video, perché seppur senza dare fastidio sei diventato famoso frequentando quotidianamente le strade del mio paesino».

«Sei il nostro amato Carrito - aggiunge Giacola -. Nonostante tui stia bene qui fra di noi ti chiedo di fuggire-. Sì, hai capito bene mio caro Carrito. Fuggi lontano prima che l'uomo possa decidere che tu non sei adatto a fare l'orso. Tu forse non lo sai e hai fiducia nell'uomo, ce lo hai fatto capire in questi giorni, ma fidati di me e torna a correre sui monti distante da colui che oggi ti ama e domani ti potrebbe mettere sul banco degli imputati».

Video

 

Ultimo aggiornamento: 15:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA