La paura del Covid fa scappare i volontari: Paola resta senza il suo mare

Venerdì 4 Giugno 2021 di Mila Cantagallo
La paura del Covid fa scappare i volontari: Paola resta senza il suo mare

Paola Mastrangelo è tornata a contemplare il suo amato mare, non ancora dalla battigia senza barriere che lei tanto desidera, ma sul Largo della Madonnina, assistita dai volontari della Misericordia. L’insegnante-giornalista malata di Sla nei giorni scorsi aveva chiesto al sindaco di Pescara, Masci accessi e servizi per disabili gravi sull’ecospiaggia all’altezza di via Leopoldo Muzii. Paola ha raggiunto l’area portuale a bordo di un minibus che lei stessa ha donato agli operatori, acquistato tre anni fa con i proventi di un concerto tenuto da Nduccio e Vincenzo Olivieri. La giornalista vorrebbe recarsi più spesso al mare, medicina balsamica per la mente. Le sue uscite rimangono però sporadiche perché alla Misericordia di Pescara mancano i volontari. Paradossalmente è stata proprio la pandemia a privare l’associazione di molti dei suoi punti di riferimento in una fase di proliferazione delle richieste di intervento.

Gender Gap, ai Giochi del Mare in Abruzzo un euro in più alle donne che lavorano nello staff


A denunciare la carenza di personale è il neo governatore Cristina D’Angelo: «Abbiamo perso l’apporto di molte unità all’inizio della pandemia - spiega - Si è verificato un esodo per la paura dei contagi, molti volontari hanno fatto questa scelta soprattutto per tutelare i propri familiari». Il programma di vaccinazione non ha aiutato il lavoro della Misericordia: «Non ci è stata data priorità nelle inoculazioni - continua D’Angelo -, ci è stata concessa mezz’ora in un unico giorno, ma per coloro che non hanno potuto rispettare quella data non c’è stata altra possibilità di vaccinarsi». Il numero degli operatori è crollato: «Prima del Covid-19 eravamo circa 180 - evidenzia il governatore - ora lavoriamo in 20, impiegando soprattutto collaboratori contrattualizzati. Questo ha impoverito le nostre casse ma non avevamo altra scelta, in una fase così drammatica dovevamo continuare a garantire i nostri servizi». Nell’attuale limitatezza di risorse umane, la Misericordia può gestire solo le emergenze, riducendo i servizi di assistenza come nel caso di Paola Mastrangelo.

Filiera femminile dietro il cachemire dei Sibillini. Giulia Alberti: «Nessun aiuto pubblico, progetto auto finanziato»

D’Angelo ammette: «In passato accompagnavamo al mare anche i ragazzi dell’Istituto Paolo VI ma purtroppo ora non siamo più in grado di farlo». A tutt’oggi, nonostante la sensibile diminuzione dei contagi e l’ampia estensione della campagna vaccinale, chi ha deciso di svestire i panni della solidarietà non ha cambiato idea: «Permangono i timori ed è difficile far tornare un volontario che abbandona - conclude Cristina D’Angelo -. La nostra speranza è ora nei 40 allievi del corso indetto ad aprile, ci auguriamo che il maggior numero di loro superi le prove finali perché saranno reclutati immediatamente».

Ultimo aggiornamento: 09:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA