Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Studente accoltellato, amici e rivali si insultano sui social: denunciati dalla Polizia

Sabato 12 Febbraio 2022 di Patrizia Pennella
Studente accoltellato, amici e rivali si insultano sui social: denunciati dalla Polizia

È una serie tivù mal digerita, una storia brutta di agguati, vendette e difesa-fai-da-te. Senza regole e senza senso. E solo per fortuna senza un finale peggiore. Ci hanno messo meno di una giornata gli uomini della squadra mobile, diretti da Gianluca Di Frischia, a mettere insieme il quadro che ha portato alla rissa e all'accoltellamento di uno studente fuori dai cancelli dell'Istituto Tito Acerbo di Pescara.

Le dichiarazioni di alcuni dei ragazzi presenti allo scontro, incastrati con le riprese delle telecamere di videosorveglianza di alcuni privati della zona, ma anche dalle foto scattate con i cellulari, hanno blindato la ricostruzione degli eventi. Che si sono verificati nell'arco di pochissimi minuti, ma sono la coda di una situazione che messasi in moto da tempo. E che nel pomeriggio di ieri, anche in costanza di indagine, non si è fermata, con uno scambio continuo di minacce e insulti sui social. Tutti monitorati dalla squadra mobile.


Perché la vicenda del Tito Acerbo unita ad altri eventi che si sono verificati di recenti nelle strade della città ha fatto alzare immediatamente l'asticella dei controlli. Che già da oggi sono stati attivati in alcune zone considerate più sensibili. Ieri il dirigente della mobile Gianluca Di Frischia ha effettuato controlli all'interno dell'Acerbo e ha avuto un colloquio con il preside.
I nomi e i volti di chi ha partecipato alla rissa di giovedì pomeriggio sono ormai noti e assodati: alcuni ragazzi sono stati già ascoltati alla presenza dei genitori, per la gran parte stravolti da una situazione che evidentemente è sfuggita di mano.

La ricostruzione ha più o meno queste coordinate: la discussione nasce all'interno della scuola e non è recente. Per qualche ragione un gruppo di ragazzi si mette ad aspettare all'esterno un altro studente: lo mettono in mezzo, lo aggrediscono in più tornate, lui per difendersi tira fuori il coltello, gli altri si spaventano, o almeno lui crede così. Appena chiude l'arma, da dietro, con un casco da moto, gli arrivano due colpi violenti sulla nuca. Tanto forti da farlo cadere a terra. Lui si rialza con l'arma in mano e punta dritto verso il ragazzo che lo ha picchiato alle spalle. Quello si mette al riparo dietro un altro studente, ma il braccio del ragazzo accerchiato è già partito e il colpo va a segno male, prendendo il quindicenne che con la rissa e l'accerchiamento non c'entra nulla. E che ora è in ospedale con una prognosi di trenta giorni: la lama ha colpito leggermente fegato e rene.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA