Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sveglia il fratello: «Mi sento male». E Samuele crolla a terra e muore stroncato da un malore a 14 anni

Sabato 19 Giugno 2021 di Teodora Poeta
Sveglia il fratello: «Mi sento male». E Samuele crolla a terra stroncato dal malore a 14 anni

Stroncato da un malore improvviso nel cuore della notte. E’ successo ad Ancarano, in provincia di Teramo, dove un 14enne, Samuele Di Clemente, è morto per cause che adesso dovranno essere accertate dall’autopsia già disposta dal pm di turno Francesca Zani.

Per i sanitari del 118, che per primi sono arrivati sul posto e hanno tentato invano le manovre di rianimazione, si sarebbe trattato di un malore, forse riconducibile proprio ad una sua patologia già nota ai familiari. Il dramma si è consumato nel cuore della notte di giovedì, intorno alle 2.30. Appena Samuele ha iniziato a sentirsi male ha svegliato il fratello maggiore, il quale ha dato subito l’allarme.


Nonostante l’ora, anche i vicini di casa sono accorsi, richiamati dalle urla e poi dalla sirena dell’ambulanza partita dal vicino ospedale di Sant’Omero. Quasi una corsa contro il tempo con il cordone, attorno, di chi ha pregato fino alla fine che Samuele potesse farcela, ma non c’è stato scampo. Ieri mattina, la piccola comunità di Ancarano si è svegliata con la notizia che nessuno vorrebbe mai sentire: la morte del 14enne. Un ragazzo che aveva appena terminato gli esami di terza media nella sua nuova scuola a Castel di Lama, dove si era recentemente trasferito, ed era pronto per le superiori, non prima, però, di godersi le meritate vacanze estive.

In paese c’è grande dolore. Samuele aveva dimostrato di essere più forte dei suoi coetanei perché aveva saputo affrontare più sfide di loro, anche quelle lanciate proprio da loro, col fardello della sua fragilità, di cui pochi sapevano. Una fragilità che potrebbe aver avuto un ruolo determinante in quanto accaduto l’altra notte, motivo per cui è stata disposta l’autopsia che dovrebbe svolgersi tra qualche ora. Ad aver avuto un ruolo determinante nella sua vita, oltre alla mamma, ci sono anche la zia materna e lo zio (marito della donna), quest’ultimo pure lui scomparso improvvisamente con un malore.


Sono loro che hanno accolto in casa Samuele, suo fratello maggiore e la loro mamma lì ad Ancarano quando il 14enne era ancora molto piccolo dopo il trasferimento da Tortoreto. Le due sorelle, entrambe sole, hanno cresciuto con tanto amore Samuele e suo fratello. «La comunità è colpita da questo dolore – commenta il sindaco di Ancarano, Pietrangelo Panichi - Siamo vicini alla famiglia e proclameremo il lutto cittadino il giorno del funerale».
 

Ultimo aggiornamento: 14:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA