Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sfrattato a 90 anni, cade e batte la testa prima di entrare nella nuova casa

Domenica 6 Marzo 2022 di Tito Di Persio
Sfrattato a 90 anni, cade e batte la testa prima di entrare nella nuova casa

Il 92enne invalido e sfrattato di Roseto, ad un passo della soluzione abitativa, inciampa e viene ricoverato per un ematoma alla testa: è vigile ma le sue condizioni di salute sono sempre più precarie. Davvero non c'è pace per Marco G. Prima truffato da alcuni amici fino all'ultimo centesimo, poi sfrattato perché il titolare dell'appartamento ha aderito al super bonus del 110 per cento. Quindi costretto a vivere per circa due mesi all'interno del cantiere tra i rumori assordanti dei martelli pneumatici in attesa che la politica regionale e locale si mettessero d'accordo per dargli un tetto sulla testa.

A pochi giorni dall'assegnazione della soluzione abitativa inciampa battendo la testa a terra.
A trovarlo svenuto gli assistenti domiciliari che hanno allertato subito il 118. Con un'ambulanza è stato portato al pronto soccorso di Giulianova. I sanitari durante la visita si sono accorti che l'anziano aveva un ematoma alla testa e hanno deciso di trasferirlo nel reparto di neurochirurgia all'ospedale Mazzini di Teramo dove è stato messo sotto osservazione per decidere se intervenire chirurgicamente. Fortunatamente i farmaci hanno fatto effetto e l'operazione è stata evitata.


Nel contempo il Comune di Roseto con una delibera gli ha assegnato una casa in via Marina e ha consegnato le chiavi al suo tutore legale, l'avvocato Giampaolo Fagotti. Ma poteva andare tutto liscio? Ovviamente no. La casa non è arredata e il suo legale si è messo subito all'opera per alcune donazioni: l'Aran ha regalato una cucina e alcune associazioni altri mobili. Comunque mancano ancora un televisore, un tavolo, qualche mobile con i cassetti e tutte le utenze. Ma gli assistenti sociali dell'ospedale in queste ore stanno decidendo se mandarlo qualche settimana in una struttura per anziani perché vogliono che la casa abbia tutti i confort per un uomo di quell'età e con la salute così precaria. Inoltre gli hanno assegnato per due volte a settimana l'assistenza infermieristica Adi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA