Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Primario, bufera sul concorso. Il legale di un medico: «Pronta azione per bloccarlo»

Venerdì 23 Luglio 2021 di Teodora Poeta
Primario, bufera sul concorso. Il legale di un medico: «Pronta azione per bloccarlo»

Spirano venti di bufera sulla selezione, ancora in corso, del successore di Michele Triggiani: il primario del reparto di Cardiochirurgia dell’ospedale Mazzini di Teramo di recente nominato direttore a Lecco. Il posto vacante sarà assegnato per adesso a tempo determinato, ma con un avviso pubblico di reclutamento diverso da quello che nel 2017 ha portato al conferimento, un anno dopo, dell’incarico quinquennale al primario dimissionario. La scorsa settimana uno degli aspiranti, che parteciperà alla prova orale, dopo aver fatto richiesta di accesso agli atti a giugno, evasa a scadenza dei termini, ha presentato un esposto alla Procura in cui si ipotizza che uno o più candidati sarebbero stati ammessi senza avere i requisiti richiesti dal bando e dalla normativa. La prova orale si svolgerà a breve, la prossima settimana, e per questo motivo, adesso, i difensori del medico che non ci vede chiaro nella selezione sono pronti a depositare anche un’istanza di autotutela che servirà, come spiega l’avvocato Martina Mazzocchetti dello studio legale Del Conte di Pescara, «a porre all’attenzione della Asl la delibera di ammissione dei candidati per l’esclusione di chi non ha i requisiti». «E se questo poi non dovesse avvenire – aggiunge – procederemo anche sul piano civilistico». Una battaglia ormai aperta che vede l’aspirante primario deciso a dimostrare che alcuni colleghi non avrebbero l’anzianità di servizio per poter assumere quell’incarico e quindi non sarebbero proprio dovuti essere ammessi alla prova orale.


Sono quattro gli aspiranti, di cui due hanno già partecipato al bando, quello del 2017 per l’incarico di direttore, vinto da Triggiani. Oggi, invece, si parla di «reclutamento a tempo determinato di un dirigente medico della disciplina di cardiochirurgia cui conferire l’incarico temporaneo di direttore dell’Uoc cardiochirurgia nelle more della conclusione della selezione ex art. 15 comma 7-bis del d.lgs. 502/1992». Un avviso pubblico un po’ diverso dal precedente, dove non si fa alcun accenno alle capacità organizzative (oggettive) e a quelle tecniche (soggettive) come in passato, ma, tra i requisiti richiesti, si fa esplicito riferimento all’anzianità di servizio «di sette anni, di cui cinque nella disciplina di Cardiochirurgia o in discipline equipollenti, e specializzazione nella disciplina di Cardiochirurgia o in una disciplina equipollente ovvero anzianità di servizio di dieci anni nella medesima disciplina». Anzianità che, come da disposizioni di legge e così come evidenziato nell’esposto presentato alla procura, deve essere maturata presso amministrazioni pubbliche, istituti di ricovero e cura della persona a carattere scientifico, istituto o cliniche universitarie e istituti zooprofilattici sperimentali, con l’esclusione, quindi, del servizio prestato dal personale sanitario in strutture private anche se convenzionate con il sistema sanitario nazionale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA