Covid, una giovane mamma disse al primario: «Rischio di morire, pensi a mio figlio appena nato»

Venerdì 7 Gennaio 2022 di Maurizio Di Biagio
Al centro il primario Antonella D'Alonzo. Covid, una giovane mamma disse al primario: «Rischio di morire, pensi a mio figlio appena nato»

Storie di sofferenza ma anche storie di lotta e rinascita nel reparto Malattie infettive dell'ospedale "Mazzini" di Teramo. Come la storia di Daniela, ragazza di 26 anni, infettata dal Covid, che ha partorito in ospedale e di fronte a un virus che sembrava non lasciarla disse al primario Antonella D'Alonzo: «Dottoressa se mi succede qualcosa pensi lei a mio figlio». Quando ricorda  questa storia di umana sofferenza che buca il cuore, la dottoressa D’Alonzo a stento riesce a trattenne le lacrime.

Mamma positiva, il neonato muore durante il parto: indagati sei sanitari

Poi si sono i no vax, e qui è tutta un'altra prospettiva. «Fino all’ultimo, da intubati, i no vax che finiscono in terapia intensiva del Mazzini, anche con 15 litri di ossigeno, negano il virus e mi danno perfino della complottista e di chi ci guadagna su tutta questa pandemia». La vita della primaria del reparto di malattie infettive è sotto pressione tra recrudescenza del virus e via personale annullata. I ricoverati tra reparto (ala ovest) e parte dell’Hospice (ala est) sono arrivati a 24 e nell’ultima settimana vi sono stati tre morti. Con Omicron saltano i turni e manca il sonno notturno, quello riparatore: «Siamo stanchi, tutti. Dopo due anni ininterrotti in prima linea è dura». Eppure le gratificazioni non mancano: «Casa mia è piena di statue di angeli che i pazienti, una volta dimessi, mi regalano, io per loro sono appunto l’angelo della famiglia». E la consuetudine che ora vige al lotto tre è quella di accompagnare personalmente i guariti, «assieme al caposala Battista e al team, fin alla soglia dell’uscio dove i parenti scalpitano in trepida attesa per riabbracciarli», insomma un corteo di felice commiato. Si perde la vita familiare ma in compenso si incassano tante soddisfazioni. 

Covid, morto Gabriele Di Clemente. Il figlio su Fb: «Il mio papà non ce l’ha fatta»


Un reparto che funziona, il suo. Come con i suoi predecessori, Pierluigi Tarquini e Dante Di Giammartino, direttori Uoc che l’hanno preceduta a Malattie infettive, un reparto che ha visto arrivate molti giovani motivati che la seguono in tutto (in corsia sono in 27: 4 medici, 19 infermieri e il resto Oss). «I miei figli, Eddy e Stefania, di 9 e 13 anni, all’inizio avevano paura che mi infettassi ora invece addirittura condividono con me nozioni tecniche», racconta. Con la nuova ondata il reparto non è più sufficiente e si è andati a pescare in quello confinante per altri 7 posti letto oltre ai 17 di malattie infettive: e non finisce qui perché a Teramo il picco è previsto «per fine gennaio inizio del mese prossimo». «I ricoverati hanno paura: l’80% da noi non è vaccinato ma questa percentuale (tutte persone che si sono informate sul web) poi in grande quantità viene convertita alla medicina ufficiale».

Paolo Giordano, il chitarrista morto di Covid a 59 anni: ha lavorato con Lucio Dalla e Biagio Antonacci


Nella ricerca tutta sua che sta conducendo sul Long Covid (il reparto ha istituito un ambulatorio) ha notato come, oltre a inficiare su umore, memoria e sonno, agisce anche a livello di fegato producendo steatosi (fegato grasso): «Non manca quella nebbia cerebrale, formicolii, oppure casi di diabete». Procede di gran passo la dotazione dei monoclonali con Sotrovimab in prima posizione, tra i primi in Abruzzo a usarlo. «In reparto 5 posti letto sono dedicati alla terapia con anticorpi monoclonali: ogni giorno ne facciamo 5, ben 400 in totale finora su 100 solo due pazienti sono tornati al ricovero, una terapia che evita l’ospedalizzazione». 

Ultimo aggiornamento: 15:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA