Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Kiev, polli uccisi e appesi con le mollette per divertimento dai soldati russi

Giovedì 7 Aprile 2022 di Remo Sabatini
I polli uccisi e appesi sui fili della biancheria (immag diffuse dall'associazione Ucraina UAnimals)

Li hanno trovati così. Polli morti e appesi con le mollette da bucato, sui fili stesi della biancheria, come fossero calzini. Il drammatico spettacolo che ha lasciato inorriditi e rappresenta l'ennesima atrocità compiuta ai danni di creature inermi, è andato in scena a Vorzel, insediamento urbano di poco più di 6mila anime, nell'oblast di Kiev. «Un'altra atrocità degli invasori», ha commentato un portavoce di UAnimals, l'associazione animalista ucraina in prima linea dall'inizio del conflitto, per salvare più animali possibile che ha diffuso le immagini che proponiamo. 

Perché uccidere dei polli e appenderli come stracci? «Stanno deridendo e uccidendo esseri umani e animali per divertimento», ha tuonato l'associazione. Così, mentre i sobborghi delle città colpite sono sempre più deserti, le strade vuote sono ormai percorse soltanto da cani e gatti. Stremati dalla fame, rischiano di fare la fine dei polli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA