Ombra, il leone affamato dello zoo nigeriano: «Così quel visitatore ha permesso di salvarlo dalla morte»

Lunedì 16 Novembre 2020 di Remo Sabatini
Ombra, il leone affamato dello zoo nigeriano: «Così quel visitatore ha permesso di salvarlo dalla morte»

Lui si chiama Ombra ed è leone africano o quel che ne resta. Sì perché della maestosità che ci si aspetterebbe da un grosso leone adulto, seppure imprigionato, non rimane che la criniera e un mucchietto d'ossa. Tanto che è un miracolo sia stato trovato ancora vivo. Siamo in Nigeria, al Gamji Gate Zoo di Kaduna, città di oltre un milione e mezzo di abitanti nel centro-nord del Paese. Lì, tra gli animali detenuti, molti dei quali messi molto male, uno aveva destato particolarmente l'attenzione di un visitatore che, per la modica cifra di un dollaro, si era trovato di fronte uno spettacolo che lo aveva sconvolto. Dietro le sbarre della gabbia dedicata al re della foresta, c'era un leone ridotto così male e talmente magro da sembrare la drammatica caricatura di se stesso.

Il leone morto abbandonato nella pozza dello zoo cinese, filmato dai visitatori. Le drammatiche immagini

Adottano una tigre bianca per salvarla da morte certa

La storia

Così, dopo aver filmato il povero animale, l'uomo aveva immediatamente contattato una associazione ambientalista chiedendo di intervenire per salvarlo da morte certa. Fortunatamente, l'intervento dei volontari dell'associazione internazionale, la Wild@Life, organizzazione ambientalista con sede a Francoforte, non si sarebbe fatta attendere, così come le proteste rivolte ai responsabili della struttura. "Nel giro di 24 ore, fa sapere in un comunicato Wild@Life, siamo riusciti ad inviare un esperto veterinario che si è preso cura di Ombra". L'operazione, affatto semplice dato il difficile periodo legato all'emergenza sanitaria dettata dal Coronavirus, sembra riuscita perfettamente anche grazie alla collaborazione del Governo nigeriano. E' notizia di queste ore, infatti, che la salute di Ombra sembra essere in netto miglioramento. "Ha ricominciato finalmente a mangiare, spiegano, nonostante da tempo fosse stato così stremato da arrivare a perdere persino l'appetito". Nel corso delle operazioni di soccorso del leone, ci si è accorti che ci sono altri animali in estrema difficoltà e che necessitano di cure urgenti. Tra questi, 3 coccodrilli, 3 babbuini, 1 struzzo maschio, 3 tartarughe e 3 iene. La speranza è che possano riuscire a sopravvivere tutti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA