Roma, donna taglia ali a pappagalli: «Li usava per fare accattonaggio». Multa da 5mila euro

Venerdì 12 Febbraio 2021
Donna taglia ali a pappagalli: «Li usava per fare accattonaggio». Multa da 5mila euro

Taglia le ali ai pappagallini per non farli volare così li può usare per attirare passanti e turisti e fare accattonaggio in Centro, offrendoli anche per scattare foto ricordo. Per questo il Tribunale penale di Roma ha condannato una donna per maltrattamento di animali. Per lei è scattata anche una multa di cinquemila euro. La sentenza è arrivata su denuncia delle guardie zoofile dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) di Roma.

Roma invasa dai pappagalli: specie diverse tra quartieri nord e sud. «Con i picchi guerra per la casa»

L'Oipa salva 32 cani in condizioni pessime nelle campagne di Allumiere: venivano usati per la caccia al cinghiale

Roma, taglia coda e orecchie del dobermann: condannato a due mesi di carcere

I fatti risalgono al 2015, quando gli agenti dell’Oipa fermarono una donna di 33 anni mentre in via delle Muratte, a due passi da Fontana di Trevi, praticava l’accattonaggio utilizzando due pappagallini ondulati, anche detti cocorite, per attirare l’attenzione dei turisti e ottenere l’elemosina. «A Roma l’accattonaggio con animali è vietato dal Regolamento comunale a tutela degli animali», spiega Claudio Locuratolo, coordinatore delle guardie zoofile dell’Oipa di Roma e provincia. «Siamo intervenuti a seguito di una segnalazione e subito abbiamo sequestrato i due poveri uccelli, sanzionando la donna».

Gli animali furono in primo momento ospitati nella sede dell’Oipa e successivamente dati in adozione. «La circostanza che i pappagallini fossero liberi e non accennavano al volo c’insospettì», continua Locuratolo. «Li portammo da un medico veterinario esperto di animali esotici e la visita rivelò che avevano la piume remiganti tagliate al fine di impedire loro di spiccare il volo, pratica funzionale all’accattonaggio. Oltre ad attirare l’attenzione, gli sfortunati volatili venivano anche offerti ai turisti per scattare foto ricordo».

Il veterinario certificò che “pur trattandosi di un limite temporale, il taglio delle remiganti limita lo svolgimento del range comportamentale, con influenze sociali e psicologiche negli uccelli”. Le guardie zoofile dell’Oipa quindi denunciarono la donna all’autorità giudiziaria per maltrattamento di animali e ieri è arrivata la sentenza. L’imputata è stata ritenuta colpevole del reato di maltrattamento di animali previsto dall’articolo 544 ter del codice penale e condannata a una multa di cinquemila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA