Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Costa Azzurra, squalo azzurro muore a riva. «Rivenduto a tranci nelle pescherie»

La denuncia di Sea Shepherd

Domenica 31 Luglio 2022 di Remo Sabatini
Costa Azzurra, squalo azzurro muore a riva. «Rivenduto a tranci nelle pescherie»

Quando lo hanno visto, la sera prima, era ancora vivo. Femmina, il giovane squalo azzurro, chissà per quale motivo si era spinto troppo a riva. Tanto che, ormai in acque basse, sembrava stentare  persino a respirare. Poi, al mattino dopo, la drammatica scoperta. Quando lo squalo, probabilmente sfinito e forse malato, è stato rinvenuto morto. L'episodio, avvenuto lungo una spiaggia di Hyeres, nota stazione balneare della Costa Azzurra non distante da Saint Tropez, ha riacceso le polemiche sulla caccia e sopratutto la vendita di questa specie di squali che, anche in Francia, limone in bocca, finiscono sempre più spesso per essere venduti al mercato.

Un suricato si aggira per le strade di Roma: rintracciata la proprietaria

La denuncia di Sea Shepherd

Come denunciato da Sea Shepherd che ha diffuso le immagini che proponiamo e che, in una nota, ha ribadito come gli squali azzurri continuano ad essere oggetto di una pesca non più sostenibile che li sta facendo scomparire da tutti i mari e gli oceani del pianeta. "L'episodio della femmina di squalo azzurro rinvenuta morta poche ore fa, denuncia Sea Shepherd, è soltanto uno dei tantissimi casi che, anche in Francia, raccontano il declino di una specie che continua ad essere trovata in vendita sui banchi delle pescherie come nulla fosse". Lo squalo azzurro (Prionace glauca) è infatti uno degli squali più commercializzati del pianeta. Seppure il loro numero, negli ultimi anni, sia in notevole diminuzione, continuano ad essere pescati senza tregua. Tanto che, è ormai opinione comune di studiosi e ricercatori, presto potrebbero finire sulla lista delle specie in pericolo di estinzione al pari dello squalo bianco, predatori per antonomasia, ormai ridotti a poche migliaia di esemplari. Ogni anno, quasi cento milioni di squali finiscono per essere uccisi in tutto il mondo. Un numero drammatico e incredibile che la Natura non può sostenere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA