Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il tricheco Freya star dei social, prende il sole sulle barche e le affonda con il suo peso

Oslo: tutti in fila per una foto

Giovedì 28 Luglio 2022 di Francesca Pierantozzi
Il tricheco star dei social, prende il sole sulle barche e le affonda con il suo peso

OSLO Pasteggia a ostriche e anatre, fa la siesta sui motoscafi (sui gommoni sta più scomoda, perché vanno a picco sotto i suoi 600 kg), ha visitato le coste inglesi, poi l'Olanda, la Danimarca, un capatina in Svezia e adesso la Norvegia, in bella vista e in prima pagina sui giornali: visto che si è accomodata senza tanti complimenti nel porto di Oslo.
LA LUNGA ESTATE
La lunga estate calda di Freya, tricheco, anzi tricheca, in viaggio lontano dalla domestica banchisa artica, sta alimentando le cronache, l'entusiasmo dei social e addirittura monopolizzando l'informazione norvegese, che alle peregrinazioni del possente mammifero marino sta dedicando dei live per seguire in diretta le sue avventure. È dal 17 luglio che Freya si è stabilita nelle acque frequentate di Oslo. All'inizio del mese aveva fatto scalpore addentrandosi con molta nonchalance nel porto turistico e molto chic di Kragero, sulle coste meridionali della Norvegia, dove ha affondato un paio di bei gommoni e si è distinta per sieste glamour a bordo di piccoli yacht.

Un cinghiale assale un canoista (che finisce in ospedale), paura a Castel Gandolfo

Il Freya-watching si è trasformato in una delle attività più in voga di questa estate nordica: Freya che dà la caccia a un'anatra (la diretta del fattaccio è in verità abbastanza impressionante), Freya che rincorre un cigno, Freya che si tuffa per fare una scorpacciata di molluschi, Freya che sceglie un'imbarcazione per riposarsi al sole (le sieste del tricheco possono durare anche 20 ore), Freya che si gira stancamente, ma non senza una certa vanteria, a osservare i paparazzi. Anche se non rarissimo (l'anno scorso avevano fatto uguale scalpore le peripezie di Wally, un bellimbusto tricheco che si era spinto fino alle coste settentrionali della Spagna prima di riuscire a tornare sopra l'Islanda), il fatto che mammiferi come Freya si ritrovino a latitudini proibitive non è certo buon segno.

 

I biologi puntano il dito contro l'antropocene, ovvero l'invasiva impronta umana sull'ambiente, e anche, naturalmente, sul riscaldamento climatico. Freya non ha probabilmente scelto di sua volontà di farsi una vacanza nei mari del sud, ma si è forse ritrovata alla deriva su un pezzo di banchisa, ammorbidito dalle temperature troppo elevate. Freya è ora costantemente monitorata. Il responsabile della Direzione della Pesca a Oslo, Rolf Harald Jensen, ha dichiarato ieri che l'animale «sta bene e si riposa».


IL BIOLOGO
Non tutti hanno però intenzione di cedere al fascino di Freya (che ha rubato il nome a una dea nordica dell'amore e della bellezza): «Bisogna abbatterla» ha detto senza mezzi termini il biologo Espen Filed, secondo il quale la tricheca ha già fatto molti danni e potrebbe farne anche di più di gravi, senza contare il pericolo che può costituire per gli umani. «Stiamo assistendo a un effetto Bambi, ma non è ragionevole» ha aggiunto. Nessuno comunque, sembra intenzionato a dargli retta. Le autorità norvegesi si sono limitate a intimare a bagnanti e curiosi di stare lontano da Freya anche se fa molta simpatia: «Un tricheco non è pericoloso, si legge in alcuni cartelli, a condizione che gli esseri umani restino a buona distanza». Quello che proprio non sopporta, hanno spiegato a tutti, è essere disturbata quando dorme. La speranza è che si riposi abbastanza e trovi di nuovo le forze e l'orientamento per tornare a casa, nel profondo Nord. 

«Io e il lupo, la mia avventura nei boschi del Lago di Vico», l'incredibile storia del fotografo ronciglionese Enrico Barbini Video

Ultimo aggiornamento: 20:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA